cinemavistodame.com di Roberto Bernabò

I film in uscita dal 4 gennaio 2012

Il tempo stimato per la lettura di questo post è di 5 minuti e di 5 secondi

Il weeekend al cinema visto da me

Aridateme il misitco Clint!

E tenetevi pure il biopico, eh.

Si legge di tutto, sull’ultima fatica del regista, ritiratosi dalle scene come attore, che ho amato molto nei suoi film più narrativi.

Nelle ultime sue opere cinematografiche, sempre di spessore notevole, si avverte, però, ammettiamolo, una certa perdita di profondità e di freschezza.

Sarà l’età che incede impietosa, anche per questo maestro del Cinema, ma “Hereafter“, a me, ad esempio, non è piaciuto troppo. Troppa carne al fuoco, gestita anche con una certa qual approssimazione, ed, arrivo a dire, supeficialità persino, ma si. Per non parlare di “Invictus” (altra suo biopic movie).

In questo “J. Edgar“, usa un ambizioso Leonardo di Caprio, a caccia di Oscar, e gli fa interpretare, ispirandosi a fatti realmente accaduti, il celeberrimo capo dell’FBI, J. Edgar Hoove, citato nel titolo del film, che è, senza dubbio, come molti di voi sanno, un personaggio assai complesso, e dai molteplici volti, che è già apparso in biopic movies, come, ad esempio, “Nemico Pubblico – Public Enemies” – di Michael Mann, incentrato, però, sulla figura del celeberrimo e mitico gangstar di Chicago, John Dillinger, interpetato da un elcettico ed ispiratissimo Johnny Depp.

In realtà, il lavoro di Eastwood degli ultimi venti anni, non è stato molto omogeneo, pur nella sua, solo apparente, immutabilità.

Il tempo di maggiore cristallizzazione cinematografica è stato tra 1992-95, con la realizzazione di una sorta di triangolo perfetto formato da “Gli Spietati“, “Un mondo perfetto” e “I ponti di Madison County“. Poi, una decina di anni minori, più modesti, più scuri, dove però in realtà maturavano i grandi film degli anni 2000 (quelli che, per intenderci, ho amato di più): “Mystic River” (2003), “Million Dollar Baby” (2004), “Flags of Our Fathers” / “Lettere da Iwo Jima” (2006). Film che non sono stati sempre facili da fare, contrariamente a quanto si immagina, e che riflettono un desiderio ed una convinzione, rara, nel settore. Se si eccettua “Gran Torino” (2008), alcuni film, sono stati molto diversi tra loro – “Changeling (2008), “Invictus” (2009), “Hereafter” (2010) – al punto che l’immagine del regista è diventata sempre più offuscata, ambigua, se non per l’intenzione di impegnarsi in modo puramente melodrammatico.

Con “J. Edgar“, Eastwood dovrebbe ritornare un po’ più pieno, immagino: questa tendenza melodrammatica è ancora presente qui (e molto), ma compensata dall’ambizioso ritratto di una figura paradossale. Quello che è, a mio avviso, curioso da verificare, è come, tutti questi progetti, non siano però riusciti a fare risuonare qualcosa di profondamente intimo in lui, soprattutto in termini di tempo. Clint Eastwood ha ormai 81 anni. E la maschera della vecchiaia, in J. Edgar, è come la traccia dell’ossessione per la morte, e per quello che verrà dopo, che, invece, ha probabilmente molto a che fare con la sua età.

Anche se non lo so, ma non credo che ci troviamo di fronte al capolavoro di questo regista.

Ma, per poter esprimere un giudizio serio, bisognerà andare a vedere questo film, sperando che Clint ritorni, presto, ai suoi temi migliori.

Come alternativa al biopico film del vecchio Clint, abbiamo da proporvi, signori, l’anglosassone pellicola “Finalmente Maggiorenni” (e abbiamo appena parlato, nel precedente post, di come vengono tradotti i titoli dei film dai nostri, misteriosi ed inquietanti, strateghi del marketing cinematografico italiano). Il titolo originale del film è infatti: “The Inbetweeners Movie” che altro non è, se non uno di quei film che vengono realizzati dalle produzioni televisive di serial di successo, come questa, parto della TV inglese (la mitica E4, il medisimo channel delle celeberrime Skins e Misfits), trasmessa anche in Italia da Mtv, e che annovera, anche da noi, un discreto numero di fan, che immagino festanti per l’abominevole traduzione del titolo dell’opera.

Come se qualcuno traducesse il titolo di film italiano, ispirato, che ne so, al “Maresciallo Rocca“, in “Finalmente scapolo“. Roba da chiodi.

Meglio, immagino, sicuramente, delle altre due uscite.

Il cartone “Alvin Superstar 3 – Si salvi chi può!“, ok, grazie, seguiremo il consiglio, e “Immaturi il viaggio“, che no te prego, ma che davero, davero!

Le preferenze accordate ai film in uscita, come sempre, le trovate nell’ordine d’impaginazione delle pellicole nel post, con le schede delle medesime, nonché  le relative sinossi, perché noi le inseriamo, ecco.

Buon anno ancora non ve l’ho detto, vero? Ecco rimedio subito:

Buon anno!!! E buona visione !!!

J. Edgar

titolo originale: J. Edgar
nazione: U.S.A.
anno: 2011
regia: Clint Eastwood
genere: Biografico
durata: 137 min.
distribuzione: Warner Bros
cast: L. Di Caprio (J. Edgar Hoover) • N. Watts (Helen Gandy) • A. Hammer (Clyde Tolson) • J. Dench (Anna Marie Hoover) • J. Hamilton (Robert Irwin) • G. Pierson (Mitchell Palmer) • C. Lawson (Roberta Dixon Palmer) • K. Dever (figlia di Palmer) • G. Wright (Dwight Eisenhower) • D. Cooper (Franklin Roosevelt) • E. Westwick (agente Smith) • K. Howard (Harlan Fiske Stone) • J. Donovan (Robert Kennedy) • D. Mulroney (Col. Schwarzkopf) • J. Lucas (Charles Lindbergh) • Z. Grenier (John Condon) • S. Root (Arthur Koehler) • D. Clennon (senatore) • E. Lind (Shirley Temple) • L. Thompson (Lela Rogers) • C. Shyer (Richard Nixon)
sceneggiatura: D. Black
musiche: C. Eastwood
fotografia: T. Stern
montaggio: J. Cox • G. Roach

Sinossi: La vita pubblica e privata di J. Edgar Hoover, il controverso fondatore e capo indiscusso dell’FBI dalla sua fondazione fino al 1972. Un racconto scomodo sul potere, l’ambizione, le luci e le ombre dell’America.

Finalmente maggiorenni

titolo originale: The Inbetweeners Movie
nazione: Gran Bretagna
anno: 2011
regia: Ben Palmer
genere: Commedia
durata: 97 min.
distribuzione: Eagle Pictures
cast: S. Bird (Will McKenzie) • J. Buckley (Jay Cartwright) • B. Harrison (Neil Sutherland) • J. Thomas (Simon Cooper) • L. Haddock (Alison) • E. Head (Carli D’Amato) • T. Kari (Lucy) • J. Knappet (Lisa) • L. Bewley (Jane) • A. Head (Mr. McKenzie) • T. James (James)
sceneggiatura: D. Beesley • I. Morris
fotografia     B. Wheeler
montaggio: C. Fawcett • W. Webb
uscita nelle sale: 4 Gennaio 2012

Sinossi: Will, Neil, Simon e Jay sono quattro diciottenni che vivono la loro vita sociale in modo alquanto travagliato. Decidono, così, di partire dal grigiore del Sud dell’Inghilterra per andare in vacanza nella soleggiata isola di Creta.

Alvin Superstar 3 – Si salvi chi può!

titolo originale: Alvin and the Chipmunks: Chip-Wrecked
nazione: U.S.A.
anno: 2011
regia: Mike Mitchell
genere: Commedia
durata: 87 min.
distribuzione: 20th Century Fox
cast: J. Lee (Dave) • D. Cross (Ian) • J. Slate (Zoe) • A. Milano (Daphne Snow) • A. Buckley (Captain Correlli)
sceneggiatura: J. Aibel • G. Berger
fotografia: T. Ackerman
uscita nelle sale: 3 Gennaio 2012

Sinossi: I Chipmunks e le Chipettes si ritrovano in crociera, prima di rimanere bloccati su un’isola deserta. Ma è veramente così o c’è invece qualcun altro?

Immaturi – Il viaggio

titolo originale: Immaturi – Il viaggio
nazione: Italia
anno: 2011
regia: Paolo Genovese
genere: Commedia
durata: 100 min.
distribuzione: Medusa Film
cast     R. Bova (Giorgio) • A. Angiolini (Francesca) • R. Memphis (Lorenzo) • B. Bobulova (Luisa) • L. Bizzarri (Piero) • P. Kessisoglu (Virgilio) • M. Mattioli (Luigi) • L. Ranieri (Marta) • A. Caprioli (Eleonora) • G. Ralli (Liole) • G. Michelini (Cinzia) • A. Tiberi • A. Giovinazzo • L. Ocone • A. Cossio • L. Longhi
fotografia: F. Lucci

Sinossi: Dopo essersi ritrovati per affrontare gli esami della maturità, i sei protagonisti decidono di partire tutti insieme per fare il viaggio di maturità che non erano riusciti a organizzare ai tempi della scuola a causa dei problemi tra Giorgio, Virgilio ed Eleonora.

Lascia un commento