cinemavistodame.com di Roberto Bernabò

Archivio della categoria ‘ poesia ’

Wall-E – di Andrew Stanton (2008)

breve analisi di eventi esistenti e linguaggio audiovisivo Wall-E titolo originale: Wall-E nazione: U.S.A. anno: 2008 regia: Andrew Stanton genere: Animazione durata: 97 min. distribuzione: Buena Vista International sceneggiatura: A. Stanton musiche: T. Newman Trama: Wall-E (Waste Allocation Load Lifter Earth-Class) è un robottino che da centinaia di anni conduce un’esistenza solitaria sulla Terra perché [...]

LinkedInPinterestShare

La rondine vs. Rimmel

Mango – De Gregori: La rondine vs. Rimmel Dualismi contrastanti – generazioni e sentimenti a confronto     O se preferite tesi e antitesi. Buonanotte e buona fortuna.

LinkedInPinterestShare

Scrivere l’essenziale – una piccola polemica

  Scrivere l’essenziale – una piccola polemica La formula del concorso non l’ho inventata io     Succede che partecipo al concorso scrivere l’essenziale e mi trovo coinvolto in una piccola polemica che deriva da questo scambio di commenti. Il mio contributo è stato: Essenziale è il diverso. Il differente.   Ciò che non siamo, [...]

LinkedInPinterestShare

Scrivere l’essenziale

 Scrivere l’essenziale Anche quest’anno, quasi come oramai consuetudine, ma si, partecipo al concorso scrivere l’esseiziale. Il testo di quest’anno è il seguente: Essenziale è il diverso. Il differente.   Ciò che non siamo, non saremmo, non saremo, ciò che fummo e che rinnegammo.   Alterità come luce e strada, complemento senza il quale condannarsi a non [...]

LinkedInPinterestShare

Naviganti

 Naviganti liason tra me ed il cinema ispiratami dall’omonima canzone d’Ivano Fossati Niente. E’ che stasera, tornando da casa di Enzo, dove abbiamo visto il Napoli pareggiare con la Juventùs (pronunciata alla partenopea), avevo in macchina un cd di Ivano Fossati (Ivano Fossati dal vivo, volume primo). All’improvviso è partita la canzone "Naviganti". Sapete com’è alle [...]

LinkedInPinterestShare

l’essenziale

L’essenziale, ti direi, non lo trovai nelle parole, ne ivi lo cercai. Lemmi. Segni superflui, ingannevoli e infingardi, bastanti a malapena per il parlar di se all’altrui. E ti direi, altresì, che il nucleo di un uomo, imparai a mie spese nelle notti, non fu mai affare descrivibile con strumenti si primitivi e erranti. La [...]

LinkedInPinterestShare

Si sta …

 Si sta …   … come d’autunno sugli alberi le foglie "Soldati di Giusepppe Ungaretti" Un tag e una ricerca   Giuseppe Ungaretti - Giuspeppe Ungaretti

LinkedInPinterestShare