cinemavistodame.com di Roberto Bernabò

I film in uscita dal 23 settembre 2011

Il tempo stimato per la lettura di questo post è di 8 minuti e di 8 secondi

Cambio di pelle, spleen lagunare, o comicità francese?

Questa settimana sono indeciso.

Sono, in realtà, consapevole del fatto che non è che possano uscire sempre capolavori del calibro di “Carnage“, che continuo caldamente a consigliare.

Serve, quindi, saper leggere tra le righe, ed andare al di là di quanto strombazzano i siti di cinema, con i loro fastidiosissimi banner, pop up, e tutte quelle diavolerie che il web marketing contemporaneo continua ad escogitare, pensando che l’utente di internet sia una sorta ameba, replica di quello televisivo (… e andiamo su !!!).  Senza parlare degli uffici stampa.

Ok veniamo a noi.

In realtà esce il nuovo film di Pedro Almodovar, il maestro spagnolo della movida, che tanto mi piacque con i suoi primi indimenticabili film: “La pelle che abito“, pellicola presentata in concorso a Cannes ’64, quest’anno ed ispirata al romanzo di Thierry Jonquet, “La Piel que habito“.

Anche se non sono, da parecchio, più un fan di questo regista, devo dire che mi riesce davvero difficile non mettere questa pellicola in pole position, questa settimana.

Il secondo film che mi vi segnalo è l’opera prima di Andrea Segre: “Io sono LI“.

Un film drammatico presentato alle “Giornate degli autori Venice days“. E’ proprio il genere di film che desidero vedere, in questo inizio di autunno.

Sarà per lo spleen poetico, sarà perché il tema dei “crash tra culture” mi appassiona.  Sarà che mi piace segnalare le opere prime di registi italiani che decidono di girare film non volgari, anzi chiaramente ispirati.

Biografia di Andrea Segre: Come regista studia e racconta da diversi anni le migrazioni verso l’Europa e le contraddizioni del mondo sviluppato: ha scritto e diretto “Marghera Canale Nord” (2003’) selezionato alla 60 Mostra del Cinema di Venezia, “Che cosa Manca” (2006), prodotto da Eskimosa e RaiCinema, “La Mal’ombra” (2007 – prod. JoleFilm) Premio Avanti! al 25 TorinoFilmFestival e “A sud di Lampedusa” (2007 – prod. CeSPI – SID) sulle espulsioni dei migranti africani nel deserto del Tenerè, di cui “Come un Uomo sulla Terra” (2008) è in qualche modo una continuazione.
Sito Web:  http://andreasegre.blogspot.com

Per chi vuole farsi due risate esce il nuovo film di Dany Boon, diventato celeberrimo in Italia dopo il successo di “Benvenuti al Sud“, remake del suo meno celebre “Giu al Nord” (Bienvenue chez les Ch’tis).

Il film in questione s’intitola “Niente da dichiarare“.

Per chi, invece, ha voglia di docu-finction segnalo infine: “Mozzarella Stories“, che narra una strana lotta tra italiani e cinesi, come produttori di mozzarella di bufala. Una storia a base di caglio ambientata nel casertano. Anche questa è un’opera prima italiana, e noi la sosteniamo, anche se ribadiamo che la Campania non è solo Camorra.

Biografia di Edoardo De Angelis: Tra il 2000 e il 2003 frequenta il Centro Sperimentale di Cinematografia dove realizza i suoi primi cortometraggi: “Okappa e Kappao“, “Lo Scambio” e “Mors Tua“, il documentario “Not my way“. “Ciao Alberto”, che partecipa al Bellaria Film Festival e collabora alla realizzazione di Gabbiani. Studio su “Il Gabbiano” di Anton Čechov, film collettivo coordinato da Francesca Archibugi, selezionato alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia nel 2004. Nel 2004 realizza “Quanta donna vuoi“, cortometraggio che ottiene il Premio Massimo Troisi. Nel 2005 gira “Merendina Tropicale“, cortometraggio tratto da “Le Notti Bianche” di Fëdor Michajlovič Dostoevskij. Nel 2006 dirige il cortometraggio “Mistero e Passione” di Gino Pacino che riceve il Premio della Critica al Kustendorf Film Festival, diretto dal regista serbo Emir Kusturica, e partecipa a numerosi festival nazionali e internazionali. Nel 2007 torna a cimentarsi con il genere documentario realizzando “Il futuro che vorrei” e “Siamo in ascolto” prodotti con il sostegno del Ministero per le Politiche Giovanili. Nel 2008, il nuovo corto “Fisico da Spiaggia“, cattura nuovamente l’attenzione di Emir Kusturica, che lo seleziona per il suo Kustendorf Film Festival. Nel 2007 firma, con Devor De Pascalis, la sceneggiatura per il lungometraggio “Caserta Stories” che diventerà, poi, “Mozzarella Stories“, selezionato tra i finalisti al Premio Solinas.

Arriva anche nelle sale l’atteso prequel (qualcuno vi prego mi spieghi il senso, visto che non li ho mai amati), della saga scimmiesca: “L’alba del paese delle scimmie“, forte del successo già ricevuto dall’altra parte dell’oceano (in America il film ha incassato quasi 200 milioni di dollari), e ribalta, quasi alchemicamente, la situazione: non solo sono gli esseri umani a maltrattare i poveri scimpanzè, ma quest’ultimi, per la prima volta, sono interamente ricreati al computer (ad eccezione della scimmia protagonista, Cesare, ricavata dalla motion capture applicata alla performance attoriale di Andy Serkis).

Per gli amanti del genere potrebbe essere il film giusto.

Infine segnalo il romanticismo: “Il primo bacio” di Riad Sattouf, commedia rivelazione dell’ultima Quinzaine di Cannes del 2009 e vincitore del Cesar (l’Oscar francese) come migliore opera prima. Racconta l’adolescenza problematica di Hervé, il cui unico chiodo fisso è quello di arrivare ad uscire con una ragazza (come biasimarlo?)

Le altre preferenze accordate da questo blog, le trovate, come sempre, nel seguito del post, in ordine d’impaginazione.

Buona visione e buon inizio autunno.

La pelle che abito

titolo originale: La piel que habito
nazione: Spagna
anno: 2011
regia: Pedro Almodovar
genere: Thriller / Drammatico
durata: 120 min.
distribuzione: Warner Bros
cast: A. Banderas (Ledgard) • E. Anaya • M. Paredes • B. Suárez (Norma) • B. Lennie • F. Cayo • E. Fernández
sceneggiatura: P. Almodovar • T. Jonquet
musiche: A. Iglesias
fotografia: J. Alcaine
montaggio: J. Salcedo

Sinossi: Dopo la tragica scomparsa della moglie il chirurgo plastico Robert si dedica a creare una pelle artificiale più resistente di quella umana. Il suo esperimento richiede però una cavia.

Io sono Li

titolo originale: Io sono Li
nazione: Francia / Italia
anno: 2011
regia: Andrea Segre
genere: Drammatico
durata: 100 min. / opera prima
distribuzione: Parthenos srl
cast: Z. Tao (Shun Li) • R. Sherbedgia (Bepi) • R. Citran (avvocato) • M. Paolini (Coppe) • G. Battiston (Devis)
sceneggiatura: M. Pettenello • A. Segremusiche: F. Couturier
fotografia: L. Bigazzi
montaggio: S. Zavarise

Sinossi: Shun Li lavora in un laboratorio tessile della periferia romana per ottenere i documenti e riuscire a far venire in Italia suo figlio di otto anni. All’improvviso viene trasferita a Chioggia, una piccola città-isola della laguna veneta per lavorare come barista in un’osteria. Bepi, pescatore di origini slave, soprannominato dagli amici “il poeta”, da anni frequenta quella piccola osteria.Il loro incontro è una fuga poetica dalla solitudine, un dialogo silenzioso tra culture diverse, ma non più lontane. E’ un viaggio nel cuore profondo di una laguna, che sa essere madre e culla di identità mai immobili.Ma l’amicizia tra Shun Li e Bepi turba le due comunità, quella cinese e quella chioggiotta, che ostacolano questo nuovo viaggio, di cui forse hanno semplicemente ancora troppa paura.

Niente da dichiarare

titolo originale: Rien à déclarer
nazione: Francia / Belgio
anno: 2010
regia: Dany Boon
genere: Commedia
durata: 108 min.
distribuzione: Medusa Film
cast: B. Poelvoorde (Ruben Vandevoorde) • D. Boon (Mathias Ducatel) • J. Bernard (Louise Vandevoorde) • K. Viard (Irène Janus) • B. Lanners (Bruno Vanuxem)
sceneggiatura: D. Boon
musiche: P. Rombi
montaggio: L. Barnier • G. Rétif

Sinossi: Con la scomparsa delle frontiere interne all’Unione Europa, il doganiere belga Ruben deve organizzare la prima squadra mista franco-belga con il suo nemico di sempre, il francese Mathias.

Mozzarella Stories

titolo originale: Mozzarella Stories
nazione: Italia
anno: 2011
regia: Edoardo De Angelis
genere: Commedia
durata: / note n.d. / opera prima
distribuzione: Eagle Pictures
cast: A. Turturro (Autilia) • L. Ranieri (Sofia) • M. Suma (Mamma di Sofia) • G. Esposito (Gino Purpetta) • A. Renzi (Ragioniere) • V. Foglia Manzillo (Ciriello) • M. Gallo (Angelo) • Y. Joyce (Imprenditore Cinese) • T. Laudadio (Gravinio) • P. Velsi (Nonna di Ciriello)
sceneggiatura: E. De Angelis • D. De Pascalis • B. Petronio • L. Valenti
musiche: R. Ceres
fotografia: F. Paredes
montaggio: S. Manetti

Sinossi: “Mozzarella Stories” è una commedia noir a base di caglio, country campano, canzoni neomelodiche, bufale, camorra casertana e imprenditoria cinese. Personaggi eccentrici e coloriti si muovono sullo sfondo di una guerra di mercato tra produttori italiani e cinesi: la squisita mozzarella di bufala.

L’alba del Pianeta delle scimmie

titolo originale: Rise of the Planet of the Apes
nazione: U.S.A.
anno: 2011
regia: Rupert Wyatt
genere: Avventura
durata: 105 min.
distribuzione: 20th Century Fox
cast: J. Franco (Will Rodman) • T. Felton • A. Serkis (Caesar) • T. Labine (Franklin) • F. Pinto (Caroline) • J. Lithgow • B. Cox • D. Hewlett (Hunsiker) • C. Horsdal (Irena) • J. Harris (Roy) • S. Bennett (Woman on Street) • D. Oyelowo (Steve Jacobs) • C. Gordon (Koba)
sceneggiatura: R. Jaffa • J. Moss • A. Silver
musiche: P. Doyle
fotografia: A. Lesnie
montaggio: C. Buff IV • M. Goldblatt

Sinossi: Ambientato nella San Francisco dei nostri giorni, “L’alba del Pianeta delle scimmie” racconta di come una serie di esperimenti genetici abbia portato alla creazione di un specie di scimmie super intelligenti e alla conseguente lotta tra loro e gli umani per la supremazia del pianeta.

Il primo bacio

titolo originale: Les beaux gosses
nazione: Francia
regia: opera prima dell’autore di strisce a fumetti parigino di origine siriana Riad Sattouf
genere: Commedia
anno di produzione: 2009
Sito ufficiale: http://www.nomadfilm.it/cinema/les_beaux_gosses/trailer.html
durata: 95 minuti
anno di distribuzione: 2011

Sinossi: Hervé, 14 anni è un adolescente come tanti. In piena fase di scombussolamento ormonale, bruttino e molto ingenuo, vive solo con sua madre. A scuola, va mediocremente, ed è circondato da compagni sfigati. Uscire con una ragazza, è questo il suo unico obiettivo. Purtroppo non ha molta fortuna, e continua a collezionare sconfitte, ma non si da per vinto. Un giorno, senza sapere il motivo, miracolosamente, si trova a piacere ad Aurore la ragazza più carina della classe.

Ma come fa a far tutto?

titolo originale: I don’t know how she does it
nazione: U.S.A.
anno: 2011
regia: Douglas McGrath
genere: Commedia
durata: n.d.
distribuzione: Moviemax
cast: S. Parker (Kate Reddy) • C. Hendricks (Allison) • P. Brosnan (Jack Abelhammer) • G. Kinnear (Richard Reddy) • J. Szohr
sceneggiatura: A. Brosh McKenna
musiche: R. Portman
fotografia: S. Dryburgh
montaggio: K. Tent • C. Toniolo

Sinossi: Nella frenetica New York Katherine cerca di trovare un equilibrio tra i suo ruoli di madre e donna in carriera.

Lascia un commento