cinemavistodame.com di Roberto Bernabò

Il concerto di Radu Mihaileanu e Wolfman di Joe Johnston

Il tempo stimato per la lettura di questo post è di 2 minuti e di 2 secondi

Un film visto ed uno da vedere

Il film visto

Il concerto

titolo originale: Le concert
nazione: Francia / Romania / Belgio / Italia
anno: 2009
regia: Radu Mihaileanu
genere: Commedia / Grottesco
durata: 119 min.
distribuzione: Bim Distribuzione
cast: A. Guskov (Andrei Filipov) • D. Nazarov (Sacha Grossman) • M. Laurent (Anne–Marie Jacquet) • F. Berléand (Olivier Morne Duplessis) • Miou-Miou (Guylène) • V. Barinov (Ivan Gavrilov) • L. Abelanski (Jean- Paul Carrère) • J. Bisset (Victor Vikitch) • L. Bateau
sceneggiatura: R. Mihaileanu • M. Robbins • A. Blanc • H. Cabello Reyes
fotografia: L. Dailland

Sinossi: Un osannato direttore dell’orchestra Bolshoi di Mosca viene allontanato in epoca comunista per essersi rifiutato di licenziare i musicisti ebrei. Venticinque anni dopo l’uomo lavora ancora in teatro come custode e aiuta la moglie a movimentare finte manifestazioni d’orgoglio ex-comunista. Un giorno intercetta un invito per il teatro Chatelet di Parigi e decide di riscattarsi dalle umiliazioni con l’inganno, accettando l’ingaggio al posto dell’orchestra ufficiale. Riunisce così i vecchi compagni di concerto e qualche improbabile new entry.

Dentro un rapporto padre – figlia un intero universo, e frose anche più di uno. Due etnie emarginate compiono un miracolo. Lo stile provocatorio, sarcastico, ironico, beffardo, decisamente irriverente ed ilare del maestro rumeno Radu Mihaileanu (Train de vie – Un treno per vivere – 1998 – con Agathe De La Fontaine, Lionel Abelanski, Rufus, Clément Harari, Marie José Nat, Bruno Abraham-Kremer, Michel Muller, Johan Leysen, Gad Elmaleh, Serge Kribus, Michel Israel, Rodica Sanda Tutuianu, Sanda Toma, Zwi Kanar, Razvan Vasilescu. Titolo originale: Train de vie. Commedia, durata 103 min. – Francia, Belgio, Romania, Israele, Paesi Bassi), colpisce nel segno anche questa volta.

Entro giovedì la mia analisi al film. Un sentito grazie a Francesco V. che me lo ha consigliato.

§§§

Il film da vedere

Wolfman

titolo originale: The wolf man – L’uomo lupo
nazione: U.S.A. / Gran Bretagna
anno: 2010
regia: Joe Johnston
genere: Horror / Fantasy
durata: 125 min.
distribuzione: Universal Pictures
cast: Benicio Del Toro (Lawrence Talbot) • E. Blunt (Gwen Conliffe) • A. Hopkins (Sir John Talbot) • H. Weaving (Isp. Francis Abberline) • G. Chaplin (Maleva)
sceneggiatura: A. Walker • D. Self
musiche: P. Haslinger
fotografia: S. Johnson
montaggio: W. Murch • D. Virkler • M. Goldblatt

Sinossi: L’infanzia di Talbot è finita la morte in cui la madre è morta. Dopo aver lasciato il paesino addormentato Vittoriano di Blackmoor, ha passato decenni per riprendersi e cercare di dimenticare. Ma quando la fidanzata di suo fratello, Gwen Conliffe, lo rintraccia per chiedergli aiuto per cercare il suo perduto amore, Talbot ritorna a casa e si unisce alla ricerca. Scoprirà che qualcosa dotato di una forza bruta e di un’insaziabile sete di sangue sta uccidendo i paesani e che un sospettoso ispettore di Scotland Yard chiamato Aberline è venuto ad investigare.

Per quello vi lascio una sequenza più o meno inedita.

lo vedrò questa sera in anteprima.

Uscirà nelle sale italiane dal 19 febbraio 2010.

3 commenti

  1. […] Il concerto di Radu Mihaileanu e Wolfman di Joe Johnston Un film visto ed uno da vedere Il film visto Il concerto titolo originale: Le concert nazione: Francia / Romania / Belgio / Italia anno: 2009 regia: Radu Mihaileanu genere: Commedia / Grottesco durata: 119 min. distribuzione: Bim Distribuzione cast: A. Guskov (Andrei Filipov) • D. Nazarov (Sacha Grossman) • M. Laurent (Anne–Marie Jacquet) • F. blog: cinemavistodame | leggi l'articolo […]

  2. Carlotta ha detto:

    Già visti entrambi e devo dire che The Wolfman non è all’altezza di nulla, mentre Il concerto..che film ragazzi!!!

    1. Roberto Bernabò ha detto:

      @Carlotta Forse abbiamo visto due film diversi ;)
      Concordo sul giudizio entusiasta su “Il concerto”.
      Meno, sinceramente, sul remake di “The Wolf man”.

      Ben venuta qui e a presto.

      Rob.

Lascia un commento