cinemavistodame.com di Roberto Bernabò

Enel Digital Contest – premiati ieri i vincitori

Il tempo stimato per la lettura di questo post è di 5 minuti e di 5 secondi

logo-digital-positivo2logo_fff3

I giovani talenti di Enel Digital Contest premiati da Paolo Sorrentino a Roma, nella spendida location della sede della Casa del cinema a Villa Borghese,  in una serata CO2 free

525x222_sorrentino

Riflettori accesi sulla creatività a servizio dell’energia sostenibile. Si è svolta alla Casa del Cinema di Roma la cerimonia di premiazione del concorso Enel Digital Contest.

Enel Digital Contest, il concorso internazionale per videomaker promosso da Enel e dall’Associazione Amici del Future Film Festival, ha festeggiato i vincitori della sua quinta edizione in una serata di gala alla presenza di un’autorevole giuria di esperti, guidata da Paolo Sorrentino.

Il celebre regista, da poco nominato presidente di giuria nella sezione “Un Certain Regard” del Festival del Cinema di Cannes, ha premiato ad ex aequo gli autori per il miglior corto:

Marco Cuccinello con il video “Control”,

control1control2

ed il gruppo Myse en Abyme con “Morse, ovvero piccoli rimedi domestici” che ci è piaciuto davvero molto.

morse1morse2

Il premio per la miglior idea creativa è andato all’opera davvero notevole “Pneuma” di Luca De Vincentis,

pneuma1pneuma2

mentre al gruppo Gruppo B8 Production è stata assegnata la Menzione Speciale per il corto “The power of dreams”.

powerofdreams1powerofdreams2

Enel Digital Contest ha rinnovato la sua attenzione al popolo di Internet, dando voce a oltre 25.000 giurati on line, che hanno premiato “Rombo di tuono”,

rombodituono1rombodituono2

del gruppo Menteplastica e “Per cosa siamo ancora in grado di stupirci?” di Andrea Bonfanti.

percosasiamopercosasiamo2

Sul palco anche i vincitori dei diversi premi speciali: miglior corto per l’ambiente, miglior colonna sonora, miglior corto d’animazione e/o con effetti speciali, miglior creatività femminile, migliore idea comunicativa, oltre ai premi assegnati dalle speciali giurie di studenti delle numerose Università che hanno supportato l’iniziativa con il loro patrocinio.

I giovani artisti si sono impegnati quest’anno nella produzione di cortometraggi sul tema “The power of Energy” sviluppato nell’ottica della salvaguardia ambientale.

EDC – Enel Digital Contest, grazie alla collaborazione con AzzeroCO2, è stato il primo concorso per videomaker CO2 free in Italia. Le emissioni di anidride carbonica prodotte per organizzare l’iniziativa sono state infatti compensate con la creazione di una piccola area verde (50 alberi) nel Parco Fluviale del Po e dell’Orba. I votanti on line hanno contribuito alla crescita di quest’area: per ogni 1.000 voti è stato piantato un nuovo albero. Anche la cerimonia di premiazione è stato un evento CO2 free, compensato attraverso la piantumazione di 5 alberi.

Mio commento personalissimo

La rassegna ed i premi dimostrano molte cose sulle quali credo sia importante riflettere.

La prima – Il talento sommerso dei giovani

La good news del premio è che tutti i video premiati, ma ritengo, anche, gran parte di quelli pervenuti, dimostrano, ancora una volta, che, a dispetto di un sistema culturale sonnacchioso, ed assai poco sollecitato dagli enti governativi e locali competenti, e ve lo dice uno che vive a Roma e non a Rocca Cannuccia, per fortuna che ci sono ancora aziende come l’Enel, che organizzano e finanziano progetti così stimolanti nonché occasione di opportunità e di visibilità per i giovani.

Ma soprattutto che il paese sia così ricco di ragazzi pieni di creatività, di entusiasmo e d’idee innovative.

Forse interi settori industriali dovrebbero prendere l’esempio da un’iniziativa come questa, dove molto forte è l’imprinting dato dai bravissimi organizzatori del Future Film Festival, che ci è sempre piaciuto molto, e che da questo spazio seguiamo con crescente apprezzamento.

Bravi, bravi ragazzi, davvero.

Un paese che disinveste sui giovani ha davvero la vista molto corta.

La seconda – La qualità delle opere e degli autori

Non c’è alcun dubbio … in un periodo così di crisi è semplicemente ammirevole notare che basta aprire uno spiraglio molto piccolo … ed ecco che la competenza dei giovani emerge, con un’evidenza cristallina, a dispetto dei troppi luoghi comuni sulle giovani generazioni che qualcuno ha definito bamboccioni … e dispiace che fu qualcuno di sinistra.

Il problema, per questi ragazzi, è sempre il solito: la chiusura delle reali opportunità.

E’ per questo che l’iniziativa è doppiamente un esempio.

In primis perché nasce e vive su Internet, che sempre più diventerà un territorio di distribuzione dell’audiovisivo, almeno questo è il mio personale pensiero, soprattutto considerando la simbiosi perfetta tra l’evoluzione delle tecnologie digitali e la crescente ampiezza di banda. Ed in secundis perché è orientata al target dei giovani.

Forse anche le aziende che oggi si occupano di telecomunicazioni (ne so qualcosa, credetemi), dovrebbero leggere questo dato di contesto come grandissima occasione di opportunità di sviluppo dei loro business.

Genesi dell’esistenza

Ringrazio per la serata tutti gli organizzatori, ed i ragazzi Antonio Caparelli, Iacopo Cingolani che che hanno realizzato il corto:

Genesi dell’esistenza” che si è aggiudicato il premio speciale per la migliore colonna sonora, riconoscimento nato in questa quinta edizione della rassegna, grazie alla collaborazione con l’Accademia nazionale di Santa Cecilia.

genesiesistenza

Senza di loro, ancora oggi, ignorerei l’esistenza di un corso di laurea in “Scienze della comunicazione dei Media” (che è un dipartimento borderline tra approccio scientifico, basato sulla matematica, e approccio umanista).

Gli effetti creati nel loro video sono una sorta di transcodifica di uno spettro di un suono in immagine.

O una cosa del genere. Straordinario.

Ecco … un piccolo consiglio per le prossime edizioni può essere quello di dare la possibilità, agli autori, di spiegare meglio, ad esempio, aspetti come questi, che ho scoperto per puro caso nella cena offerta dall’organizzazione che definirei impeccabile.

Non ci è molto piaciuto (troppo) il regista Paolo Sorrentino, che è stato assai parco nelle dichiarazioni.

Il consiglio di “guardare brutti film” dato ai giovani che intendono avvicinarsi all’arte cinematografica, ci è sembrato eccessivamente divergente (ed anche, ammettiamolo, poco fruttuoso … visto che, ahimè, è assai difficile riuscire a fare il contrario in Italia).

Ma magari era stanco, e fuori dal suo habitat familiare, che, ci auguriamo rimanga ancora a lungo, la sua indiscutibile espressione artistica.

§§§

La lista completa dei vincitori è disponibile su www.enel.it/digitalcontest, dove è possibile anche guardare tutti  video premiati.

Per informazioni:

digitalcontest@enel.com
www.enel.it/digitalcontest

§§§

I film in uscita dal 8 maggio

Sono tutti qui.

Sul nuovo numero di cinemavistodame2.

Un commento

  1. ottavia ha detto:

    Davvero piacevole leggere le tue critiche, sono semplici efficaci e di rapida comprensione. Effettivamente sembra di assistere . ciao complimenti Ottavia

Lascia un commento