cinemavistodame.com di Roberto Bernabò

The Wrestler – di Darren Aronofsky

USA – 2009

breve analisi di eventi, esistenti e linguaggio audiovisivo

Amore e caduta di un campione fragile – a cura di Roberto Bernabò

the wrestlerdarren-aronofsky

The Wrestler

titolo originale: The Wrestler
nazione: U.S.A.
anno: 2008
regia: Darren Aronofsky
genere: Drammatico
durata: 105 min.
distribuzione: Lucky Red Distribuzione
cast: M. Rourke (Randy ‘The Ram’ Robinson) • M. Tomei (Cassidy) • E. Wood (Stephanie) • J. Friedlander (Scott Brumberg) • A. Naidu (medico) • M. Margolis (Lenny) • T. Barry (Wayne) • W. Stevens (Nick Volpe)
sceneggiatura: R. Siegel
musiche: C. Mansell
fotografia: M. Alberti
montaggio: A. Weisblum

Sinossi: Randy Robinson era un wrestler professionista di rinomata fama alla fine degli anni ‘80. Randy, per arrotondare è costretto a lavorare anche come magazziniere in un supermercato e nel fine settimana partecipa ad incontri di wrestling dove interpreta il personaggio che lo ha reso famoso anni prima: The Ram. Colto da un infarto durante un combattimento e costretto a lasciare lo show-business, comincia a riflettere sulla sua vita. Riuscirà a mettere a posto le cose?

“Sono un vecchio pezzo di carne maciullata, me lo merito di restare
da solo … voglio soltanto che tu non mi odi.”
Randy ‘The Ram’ Robinson alla figlia Stephanie

§§§

L’unica cosa che pensi mentre assisti, in una cinema pieno solo di palestrati, anche un po’ sfigati, intorno a te, ad una proiezione di “The Wrestler” di Darren Aronofsky, non è se il film sia bello o se ti piace o se e quanto le scelte formali siano coerenti con la drammaturgia degli eventi, e tutte quelle menate di cui sono solito riempire le mie analisi.

No.

mickey-rourke-in-una-scena-del-film-the-wrestler-di-darren-aronofsky-84248

E nemmeno quanto sia fedele la ricostruzione del vero mondo del Wrestling (visto che, fra l’altro, tutte le stars di quello sport erano alla prima californiana del film).

E non ti chiedi nemmeno perché Mickey Rourke abbia accettato di mettere su 14 chili di muscoli a 56 anni per accettare questo film.

mickey-rourke-in-un-immagine-del-film-the-wrestler-99689

Perché l’unica, ma, davvero, credetemi, l’unica cosa che ti chiedi è: Dove finisca l’uomo Mickey Rourke e dove inizi il personaggio Randy carne maciullata ‘The Ram’ Robinson. O anche, naturalmente, il contrario. Nell’interno di una verità palindroma e di una interpretazione bilaterale.”

§§§

L’altra cosa che pensi è che puoi entrare in empatia con questo film solo e soltanto se hai definitivamente perso qualcosa d’importante, almeno una volta nella vita ed in maniera irreparabile.

Qualcosa che ti rendeva felice.

Qualcosa che ti regalerà, ed era ora, finalmente, un senso profondo ai versi di una celebre canzone di Fiorella MannoiaNon sono un cantautore“:

Cammino e vivo capovolto, dissoluto e dissolto sono la felicità che mi hai dato e poi tolto”.

Parlo di quel senso di perdita, definitivo, che in psicanalisi gli esegeti del termine definiscono “lutto“.

Quelle perdite che mentre tutti sono normalmente felici e infelici, per cose futili e meno futili, intorno a te, dentro di te fanno morire qualcosa dentro, forse per sempre.

E non parlo di cose banali.

evan-rachel-wood-e-stephanie-robinson-nel-film-the-wrestler-106316

Parlo di una figlia.

Parlo di cose per le quali non abbiamo nemmeno una cazzo di scusa.

Una cosa che se solo eravamo più accorti nel gestire la nostra vita avremmo conservato.

§§§

mickey-rourke-in-una-scena-del-film-the-wrestler-84246

Non basta ancora.

Devi immaginare di essere invecchiato così tanto e male, che anche la salute diventa un ostacolo insormontabile alla tua, quanto meno dentro di te, strameritata rivincita, alla tua cavolo di seconda occasione. Il tuo strafottuto e sacrosanto riscatto.

§§§

Vi sentirete dire che in questo film esiste come una sorta di solita americanata col doppio processo di redenzione.

Lasciate perdere. Davvero lasciate perdere.

Ma magari, aggiungo.

Magari.

mickey-rourke-in-una-sequenza-del-film-the-wrestler-84245

The Wrestler è una storia talmente legata al personaggio – uomo – interpretazione – transfert: Randy carne maciullata ‘The Ram’ Robinson – Mickey Rourke che persino il regista Darren Aronofsky, più dimesso che mai, attraverso l’uso quasi esclusivo di camera a mano, pellicola sgranata, soggettiva, cede il passo all’incedere assolutamente e definitivamente bukowskiano, come lo era stato, del resto, da giovane, in pellicole del calibro di “Barfly”  “L’Anno Del Dragone” e “Angel Heart“, non so quanto all’attore, quanto, piuttosto all’esperienza della disperazione conosciuta dall‘uomo-attore-personaggio-Mickey Rourke.

In una intervista è lo stesso Rourke a confessare:

Si ho messo 14 chili ma la cosa più difficile non è stata imparare a cadere (sono finito all’ospedale più volte), o cambiare la mia idea su questo sport (prima pensavo che fingessero tutto invece si fanno male davvero), ma entrare in relazione con alcuni luoghi della mia anima che non amo frequentare.”

Quei luoghi che non ama frequentare si riassumono nella frase che gli ho, più volte, ascoltato ripetere: “Dio ha un progetto per ognuno di noi, ma io ho preferito seguire il mio, solo che il mio faceva schifo“.

§§§

marisa-tomei-in-una-sequenza-del-film-the-wrestler

Aggiungeteci, speculare e parallela, la progressione della storia di una spogliarellista splendida ed intensa come Marisa Tomei (era lei che meritava l’Oscar come migliore attrice non protagonista, altro che Penelope Cruz per l’interpretazione di Vicky Cristina Barcelona di Woody Allen), che assiste, anche lei, tra mille sensi di colpa, alla caduta del campione, ed anche lei all’inizio del suo personale viale del tramonto.

Completate il quadro degli esistenti con una figlia costantemente delusa da un padre inesistente.

evan-rachel-wood-e-mickey-rourke-in-una-sequenza-di-the-wrestler

Sequenze quasi metafisiche in cui la vecchiaia e l’assenza di decenni di rapporto tra genitore e figlia si sublimano in una passeggiata su una spiaggia, e culminano in un ballo tanto struggente e leggero quanto inutile, oramai, nella sequenza nella quale Randy e la figlia lo fanno (il ballo) in una enorme sala abbandonata, vuota, sui resti di un passato condiviso, di una felicità che solo lui ricorda, ma che riesce comunque a riunirli in un ultimo atto, in un altro requiem for a dream. In un desiderio, confessato in un pianto struggente e inconsolabile, di non essere odiati.

§§§

mickey-rourke-in-un-immagine-di-the-wrestler

Dipingeteci, infine, su il più classico degli incontri (match) impossibili, che replichi dopo, vent’anni, un altro incontro (quello si mitico) tra due giovani campioni di Wrestling nell’acme della loro potenza fisica e gloria, ed avrete tutto il materiale con il quale Mickey Rourke ha dovuto semplicemente fingere di essere un lottatore di Wrestling e non lui stesso, che interpretava lui stesso, sotto le sembianze di un lottatore di Wrestling.

Negli eventi, creati con la progressione classica di genere, che culmina, come abbiamo detto, con l’incontro clou che tutti attendono, tutti tranne forse proprio The ‘The Ram’ Robinson, consapevole dei rischi che comporta, e che frugano grazie all’espediente della soggettiva e della macchina a mano in tutti i luoghi minimalisti e decadenti di cui è fatta la vita del campione morente, saremo letteralmente rapiti dalla sensibile e fragile e delicata poetica, sempre sul bilico della disperazione, umanità di questo personaggio che guarisce, accollandoseli tutti lui, i dolori di tutti noi, e di tutti gli altri esistenti che incontra, e con i quali è sempre dolcissimo, compreso nei confronti dei suoi avversari (quanta pietas e solidarietà tra questi sportivi del wrestling), tranne sicuramente (ma più per limiti umani, che non per cinico calcolo) ovviamente verso la figlia, ma non voglio svelare troppo.

mickey-rourke-interpreta-randy-the-ram-robinson-nel-film-the-wrestler-diretto-da-darren-aronofsky

Negli aspetti di linguaggio audiovisivo, oltre agli espedienti formali volti ad esaltare la prospettiva individualista colma di solitudine, abilitata dalla soggettiva, degna di sottolineatura è questa esaltazione o’contraire del corpo muscoloso.

Più il campione tenterà il suo recupero esteriore, più morirà dentro, fino all’allineamento estremo di queste prospettive disassate tra forza e debolezza che culmineranno nella sequenza finale.

Quasi come in un paradossale ossimoro visivo di un campione che riunisce, in un unica icona martoriata e martoriante, tanto un uomo spossato e fragile quanto un atleta pompato di uno sport, il wrestling, che, guarda caso, proprio come il cinema, è fatto, prevalentemente di finzione.

Tranne in casi come questo dove l’interpretazione supera la realtà o quanto meno la raggiunge.

Cosa rarissima che vale i tanti riconoscimenti ottenuti dal film e da Rourke, oltre che, datemi retta, il prezzo del biglietto.

Una storia che risulta, per dire, esattamente l’opposto della scontata e banale epica buonista di Rocky Balboa, opera speriamo davvero ultima della saga del pugile interpretato da Sylvester Stallone, che affronta un tema sostanzialmente analogo, con una prospettiva talmente ribaltata nei suoi assolutamente già visti messaggi verso l’alto, educativi e didascalici, da risultare irrimediabilmente ed inesorabilmente irritante.

§§§

E non è importante capire la possibile risposta alla domanda, legittima, che un bambino, in sala, ha rivolto al padre alla fine del film (senza peraltro ottenere una risposta): “Papi, ma non ho capito, alla fine The “Ram’ Robinson ha vinto?

mickey-rourke-e-il-protagonista-del-film-the-wrestler

Importante è capire che l’ultima sequenza è il volo di Randy carne maciullata ‘The Ram’ Robinson – Mickey Rourke verso l’unico suo possibile destino.

Un volo liberatorio, definitivo, vero unico epilogo credibile di una vita vissuta come una candela che brucia da entrambi i lati.

Seguito da una dissolvenza in nero che si prolunga fino ai titoli di coda.

Game Over … si insomma fine del post.

Da leggere ascoltando: Il valzer di un giorno di Gianmaria Testa

15 commenti

  1. Daniele ha detto:

    Visto stasera. Il tuo bel commento è il giusto completamento a qualcosa che mi sta donando grandi stimoli mentali.

    Anch’io -da profano- ho percepito tantissimo coinvolgimento personale, ma meno di quello che viene mostrato promozionalmente.

    Comunque un vero pezzo di bravura da parte di MR, ma che non avrebbe mai potuto fare il grande slam dei premi.

  2. Francesco ha detto:

    come complimento potrei dire che sembrava a volte un documentario, Aronofsky racconta una storia e tu non te ne stacchi, Ram sembra uno che ha dolore, sofferenza, sbagli, ingenuità, debolezze di un nostro amico, o di noi stessi.

  3. Roberto Bernabò ha detto:

    …Solo l’interpretazione di Rourke (ed in parte della Tomei) salvano questo film da una sufficienza risicata…

    @Cesco Ma non capisci allora. E’ proprio questo elemento che lo differenzia a distanze siderali da Balboa, ma per favore … e chiediti come mai Stallone non ha mai vinto nulla a Venezia …

    Questo non è un film sullo sportivo, sul campione che tenta un suo rilancio, no, è un film su un uomo che ha perso tutto, un tutto che non riuscirà a riconquistare, ed il tema della sovrapposizione tra Rourke attore e Rourke personaggio è la cosa che ha mosso la critica.

    Balboa non c’entra una fava, anche se anche io lo cito di striscio.

    E poi sai che c’è? Ma dissenti pure quanto vuoi, per me una interpretazione come quella di Rourke la vedi, si e no, una o due volte in una stagione … e forse anche meno.

    Un saluto.

    Rob.

  4. Cesco ha detto:

    Mah, dissento… l’ho appena visto e per me è una mezza scopiazzatura di “ROCKY BALBOA”, con la parte di Giovanni Ribisi spaccata in due e suddivisa fra Marisa Tomei e la Figlia.

    Solo l’interpretazione di Rourke (ed in parte della Tomei) salvano questo film da una sufficienza risicata. Molto meglio il vecchio e logoro Rocky a questo punto…

  5. cletus ha detto:

    toh, l’ho visto anch’io. Luci e ombre, di più quest’ultime…

  6. Roberto Bernabò ha detto:

    @fuoridalmucchio Grazie fratello ;) Grazie per condividere le tue emozioni … soprattutto per il non detto … che leggo tra le righe.

    Sugli Oscar sottoscrivo in pieno. Entrambi sono i vincitori morali anche se la suora giovane de “Il Dubbio” di John Patrick Shanley ed esattamente l’attrice Amy Adams mi ha molto commosso.

    Ma Marisa Tomei lo merita da tempo anche per “Onora il padre e la madre” – di Sidney Lumet.

    Io ci avevo sperato.

    E per dirla tutta quello a Penelope Cruz è proprio una marchetta … ecco l’ho detto.

    Rob.

  7. fuoridalmucchio ha detto:

    Ciao Rob!
    Belle le tue emozioni sul film.
    Condivido, anzi ti confesso che il film mi ha emozionato profondamente. Io ho 33 anni (sono relativamente giovane, quindi) ma per ragioni mie biografiche ho un certo mal di vivere che mi ha fatto entrare in una vertigine empatica col personaggio.
    Un vortice di immedesimazioni e condivisioni di errori e l’incapacità di risolvere e risolversi.
    Hai parlato di lutto, io ce l’ho quel lutto e il film è stato PURA CATARSI.

    Basta così, basta aprirmi!

    Un’ultima riflessione te la regalo: meritavano almeno l’Oscar per Rourke e per la Tomei. GRANDE FILM!

  8. Roberto Bernabò ha detto:

    @Tessapurna hai perfettamente ragione … e pensare che:

    A) adoro i fratelli Coen e questo blog ne è una prova, cercare per credere;

    B) Barton Fink – è successo ad Holliwood, è un film basato su una storia vera, con un bravissimo (allora agli esordi) Jhon Turturro, che peraltro avevo visto in sala all’epoca … ma il collegamento con il Wrestler, giuro, si era completamente annebbiato nella mia mente, ormai, arteriosclerotica.

    La prova che hai completamente ragione è qui:

    Barton Fink – è successo ad Holliwood – Wikipedia

    Che dire … grazie … sono questi i commenti che danno valore al format Blog.

    Dico sul serio, anzi sul serissimo, mitica, torna spesso qui con altre perle come questa, ti aspettiamo.

    Con stima,

    Rob.

  9. Tessapurna ha detto:

    trovato! è barton fink dei fratelli coen.
    ciao

  10. Roberto Bernabò ha detto:

    @Tessapurna Grazie per l’apprezzamento, ma m’incuriosisce assai di più la storia del romanzo sul wrestler.

    E’ uno sport che ho sempre snobbato molto in verità anche io, ma al quale Rourke ha dato una tale dignità … e poi una finzione nella quale poi, invece, ci si fa male per davvero, e non solo fisicamente, la trovo quasi un riferimento allegorico della vita. Se ti viene in mente il nome dello scrittore e magari anche del romanzo regalacelo qui.

    Ah, per la cronaca, Mickey Rourke per questa interpretazione ha vinto un Leone d’oro a Venezia, un Golden Globe ed ha ricevuto una nomination dall’Academy per l’Oscar. Hai detto cotica ;)
    Un saluto.
    Rob.

  11. Tessapurna ha detto:

    confesso ne neppure io avrei dato un soldo al film se non ti avessi letto.
    bisognerà davvero che lo veda.
    bella recensione.

    (ma sai che cosa mi saliva alla mente mente ti leggevo?
    un altro film su uno scrittore ingaggiato per scrivere una storia sul wrestler. non mi ricordo il titolo, neppure il regista…. ma giuro, sembra la trama del film che doveva scrivere)

  12. […] Una storia recitata da un attore che incarna esattamente, come in uno specchio filmico, il mito. Qui la mia […]

  13. Roberto Bernabò ha detto:

    @Marzia Ed è solo un decimo di quello che ti trasmette il film. Rob. Chiamami Rob. ;)

  14. Marzia ha detto:

    Roberto ti ho letto tutto d’un fiato e non immaginavo che dietro e attorno a questo film (lo ammetto: avevo pregiudizi) potesse esserci altro, e contenuti tanto alti.

Lascia un commento