cinemavistodame.com di Roberto Bernabò

Non è un paese per vecchi + Oscar 2008

Il tempo stimato per la lettura di questo post è di 2 minuti e di 2 secondi

Non è un paese per vecchidi Joel ed Ethan Coen

Dovrei postare su "Non è un paese per vecchi" di Joel ed Ethan Coen, vi lascio quello che ho scritto prima di vederlo di la.


Prometto però di tornare alle mie analisi per questo film.

Non è un paese per vecchi

titolo originale: No Country for Old Men
nazione: U.S.A.
anno: 2007
regia: Joel Coen • Ethan Coen
genere: Thriller
durata: 122 min.
distribuzione: United International Pictures
cast: J. Bardem (Chigurh) • J. Brolin (Moss) • T. Jones (Bell) • W. Harrelson (Wells) • K. Gwin (Molly) • K. MacDonald (Carla Jean)
sceneggiatura: J. Coen • E. Coen
musiche: C. Burwell
fotografia: R. Deakins
montaggio: J. Coen • E. Coen

Trama: Tratto dal romanzo “Old Man” di Corman McCarthy. Texas, anni ‘80. L’avventura di un uomo che, durante una battuta di caccia lungo il Rio Grande, incappa per caso sulla scena di un traffico di droga andato storto dove sono stati abbandonati alcuni cadaveri, un quantitativo di eroina e soprattutto una valigia con un’ingente somma di denaro. L’uomo decide di prendere con sé la borsa con il prezioso contenuto e inizia la sua fuga disperata per eludere la caccia all’uomo messa in atto da un assassino psicopatico, un ex agente delle forze speciali assoldato da un potente cartello e da uno sceriffo intenzionato a fermare i due inseguitori …

E’ il film che personalmente attendo di più … forse dell’anno.

Io amo visceralmente i fratelli Coen. Ma proprio una cosa esagerata credetemi. “Fargo“, ad esempio, la considero una delle pellicole più intelligenti che abbia mai visto al cinema e “L’uomo che non c’era” uno dei film più incredibili che abbia mai visto.

Dove, tra l’altro, recitava una piccola parte un’ancora acerba mia passione Scarlett Johansson, per dire.

Poi quando si parla di noir i due fratelli sono assolutamente fantastici. Conoscono e frequentano latitudini altre rispetto al panorama del cinema made in USA, e non solo. Nei loro film c’è qualcosa di etico ed al tempo stesso di cinico. Leggono con spietatezza la società americana. L’analizzano e la massacrano. Il loro è uno stile filmico beffardo e sarcastico si, ma che che lascia le ecchimosi. Una crime story quella narrata in quest’opera dove i due peraltro dichiarano che il loro tentativo è stato quello di non aggiungere niente al romanzo di Corman McCarthy motivo per cui tra gli addetti ai lavori è già stato ribattezzato “I Vecchi“. Last but not least il film è stato tra i più apprezzati all’ultimo Festival di Cannes.

E poi sanno girare cavoli. Conoscono l’arte della regia.

Segnalo inoltre la presenza dell’attore Javier Bardem, protagonista del film premio Oscar “Mare Dentro” (2004) di Alejandro Amenábar, che considero un’opera notevole proprio grazie alla sua eccellente interpretazione.

Il film è in nominations per ben 8 premi Oscar, ne ha già vinti 75 ed è stato in nominations per altri 28. E’ uno dei più belli del 2008, datemi retta, anche se il pubblico USA non l’ha amato quanto, credo, farò io. Ma, voglio dire, ci può stare.

Insomma quattro stars virgola cinque, solo perché non è mai facile trasporre dal letterario al filmico, soprattutto se il tentativo è quello di non aggiungere niente …

4 commenti

  1. didolasplendida ha detto:

    visto!

    stupendo

    da rivedere :-)

  2. utente anonimo ha detto:

    grande ritorno dei ratelli cohen.

    d’accordissimo con te.

    questo film è un capolavoro

  3. utente anonimo ha detto:

    Presto ti scriverò in privato ;-)

    Nel fine settimana vado a vedere Caos Calmo (finalmente è arrivato!)

    E adesso vado a letto che sono stancastanca e assonnata

    Mapi :-)

  4. utente anonimo ha detto:

    concordo pienamente sull’amore viscerale e sull’analisi del lavoro dei Coen. per poter dire qualcosa sul film che ha vinto devo aspettare di vederlo.

Lascia un commento