cinemavistodame.com di Roberto Bernabò

I film in uscita dal 30 novembre 2007

Il tempo stimato per la lettura di questo post è di 6 minuti e di 6 secondi

LASCIA PERDERE, JOHNNY!
genere: commedia
di Fabrizio Bentivoglio
con Antimo Merolillo, Fabrizio Bentivoglio
distrib. Medusa

Vita, sogni e chitarra di Faustino Ciaramella, nell’esordio al lungometraggio di Fabrizio Bentivoglio (aveva diretto in precedenza il corto Tìpota). Una storia “disonesta” quella di Faustino: diciottenne, prossimo alla leva, senza lavoro nè parte. L’arte c’è invece. Il ragazzo suona la chitarra in un piccolo complessino casertano. Notato dall’impresario Raffaele Niro, gli viene offerta l’occasione di andare in tournée con un importante orchestra. Ma, “che te lo dico a fare”, le cose non andranno come previsto… Con Antino Merolillo ed Ernesto Mahieux. Presentato in anteprima al Torino Film Festival.

Io sono molto curioso di sperimentare la regia di quello che considero uno dei migliori attori italiani, anche perché non sempre è una cosa giusta che un attore faccia il regista vederemo.

NELLA VALLE DI ELAH
genere: giallo/drammatico
di Paul Haggis
con Tommy Lee Jones, Charlize Theron
distrib. Mikado

L’odissea intima e privata di un padre alla disperata ricerca del figlio rientrato in New Mexico dopo la missione irachena e misteriosamente scomparso. Scoprire la verità sarà molto più facile che accettarla. Paul Haggis riporta il cinema a misurarsi con il dramma della guerra e le sue aberranti conseguenze. Con Tommy Lee Jones e Charlize Theron, detective sommessa che affiancherà l’uomo nel doloroso cammino verso la verità. Presentato in concorso all’ultimo Festival di Venezia, vincitore del Premio Signis.

Diciamo che per me Paul Haggis è un eccellente writer di altrettanto eccellenti screenplay, come regista non saprei quanto consigliarlo. Tre stars sulla fiducia però le accordo volentieri. La critica ufficiale è entusiasta ed a Roma la pellicola lo proietta il Giulio Cesare, forse meriterebbe qualcosa in più ma mi fido di più di altre sale.

WINX CLUB – IL SEGRETO DEL REGNO PERDUTO
genere: animazione
di Iginio Straffi
distrib. 01 distribution

Insieme alle fedeli amiche del Winx Club – Flora, Stella, Aisha, Musa e Techna – la fatina della fiamma del Drago, Bloom, dovrà portarsi negli abissi della dimensione oscura per sconfiggere le forze del male e riportare in vita i suoi veri genitori, intrappolati nel regno di Domino. Fenomeno televisivo e di merchandising non più solo italiano, le Winx arrivano sul grande schermo per continuare a far sognare le bambine di ogni età. E provare a dare “battaglia” al colosso Pixar. Parola di Iginio Straffi.

Io passo in quanto non è il genere di film che può riguardare un single della mia età ;)

Peraltro nessuna delle sale di mia fiducia della capitale lo proietta ma non devo stupirmi è il classico film per famiglie che sbancherà al box office per il numero di sale che lo proietta, ma ormai è una storia vecchia.

THE KINGDOM
genere: drammatico/thriller
di Peter Berg
con Jamie Foxx, Jennifer Garner
distrib. Universal

La guerra al terrorismo si fa anche al cinema. Ronald Fleury è un’agente dell’FBI in missione speciale in Medio Oriente. Dovrà infiltrarsi in un gruppo di jihadisti e catturare uno dei capi. In gioco c’è la sicurezza internazionale. Dopo l’Afghanistan di Leoni per agnelli, ecco l’Arabia Saudita di The Kingdom. Triplo filo conduttore: uscita nel 2007, i tentacoli del post 11 settembre e l’attore/regista Peter Berg. Nel primo recitava, qui dirige. Con Jamie Foxx e Jennifer Garner.

Diciamo che non dovremmo vedere altro che non abbiamo veduto già, io passo, esistono realizzazioni migliori. Riguardo alle sale della capitale vale il rgionamento del film precedente con l’aggravante che le sale sono assai meno.

LA MUSICA NEL CUORE – AUGUST RUSH
genere: commedia
di Kirsten Sheridan
con Freddie Highmore, Jonathan Rhys Meyers
distrib. Medusa

Cos’è la musica? Per il piccolo August, un orfano di dieci anni, è l’unico modo per guardare il mondo e dargli voce. Aiutato dal suo solo amico, un mago dal cuore d’oro, il bambino inizierà un viaggio fantastico alla ricerca dei suoi genitori. Un’opera tra fiaba e realtà scritta e diretta dalla figlia di Jim Sheridan. Con Freddie Highmore, Jonathan Rhys Meyers e Robin Williams. Presentato alla seconda Festa del Cinema di Roma.

Le fan di Robin Wiliams sono servite … ma perfavore … Sulle sale vale il discorso esatto di due film fa, che tristezza. ;(

IL DIARIO DI UNA TATA
genere: commedia
di Shari Springer Berman, Robert Pulcini
con Scarlett Johansson, Laura Linney
distrib. 01 distribution

Maledetto precariato. Ovunque. Vedi Annie, New York City. Laura in economia e antropologia. Bella, brava, ambiziosa. E Baby sitter a tempo pieno. Che non è tutto questo spasso come dicono, soprattutto se l’infante è un monello viziato che non te ne perdona una, e la madre un’insopportabile signora dalle rigidissime regole di comportamento. La tata è di quelle che fanno venir voglia di tornare “bambini”: Scarlett Johansson. La regia (doppia) è di Shari Berman e Robert Pulcini. Presentato fuori concorso all’ultima Mostra del Cinema di Venezia.

Un ottimo motivo per vedere questo film è il ritorno di Scarlett Johansson, vale tre stars solo per lei ;) E poi anche qui segnalo nel cast l’ottimo Paul Giamatti. Le sale e la critica ufficiale non mi convincono però.

FRED CLAUS – UN FRATELLO SOTTO L’ALBERO
genere: comico
di David Dobkin
con Vince Vaughn, Paul Giamatti
distrib. Warner Bros.

Per ogni Abele pare ci sia un Caino pronto a “fargli le scarpe”! Fred Claus, il fratello di Babbo Natale, non è buono né tanto meno generoso con i bambini. E’ un ladruncolo che, rimasto senza soldi, accetta di andare al Polo Nord per lavorare nell'”impresa di famiglia”. Ma le sue scarse attitudini rischieranno di compromettere anche il consueto rito del Natale…

Se non ci fosse nel cast Paul Giamatti non credo che avrei notato questa pellicola ma ricordandomi di lui in Sideways devo accordare tre stars anche se so che questo film difficilmente lo vedrò in sala. La critica ufficiale lo stronca e le sale pure. Paul mi dispiace, ma è così.

BLADE RUNNER: THE FINAL CUT
genere: fantascienza
di Ridley Scott
con Harrison Ford, Rutger Hauer
distrib. Warner Bros.

Un film che non ha bisogno di presentazioni. Pamphlet anti-futurista, noir visionario, filosofia per immagini. Ritorna in sala 25 anni dopo. Di nuovo uomini contro replicanti, creatori contro creature. I dialoghi, i personaggi, gli scenari leggendari. Gli immensi Harrison Ford e Rutger Hauer. Ridley Scott al meglio. E molto più disperato in questo final cut presentato al Festival di Venezia. Ma la fantascienza era già entrata di diritto nella “grande” storia del cinema.

Aldilà delle complesse ragioni, quasi freudiane, per le quali Ridley Scott non riesce a separarsi da questa sua opera, questa è sicuramente un’uscita per cinefili e per gli amanti della scincefinction.

BRICK
genere: fantascienza
di Rian Johnson
con Joseph Gordon-Levitt, Lukas Haas
distrib. Eagle Pictures

L’esistenza non ti dimentica. La lezione è per lo schivo Brendan che, parcheggiato in uno dei tanti Campus americani, vive sigillato e sicuro nella sua solitudine. Nessun coinvolgimento né intoppo. Gli altri ci sono, ma potrebbero anche non esserci. Un giorno riceve la telefonata della sua ex. Lei è molto scossa, gli chiede di raggiungerla. Lui va, la cerca, la trova. Morta. Ammazzata. Addio quiete. Per Brendan comincia una pericolosa indagine per trovare l’assassino, e forse se stesso. Un thriller tra Hitchcock e Sartre che ha vinto il premio speciale della giuria al Sundance Film Festival del 2005.

Più che al genere do fiducia alla giuria del Sundance Festival, voi che dite?

A Roma lo danno solo al Cinestar sulla Cassia …

NIGHTMARE BEFORE CHRISTMAS 3-D
genere: animazione
di Henry Selick (e Tim Burton)
distrib. Buena Vista

Ritorna il re delle zucche Jack Skeletron, a quattordici anni dalla sua prima apparizione e in formato Digitale 3D. Nella città di Halloween, Jack decide di portare il Natale alla sua gente. Incurante del consiglio di Sally, una bambola di pezza segretamente innamorata di lui, arruola tre dispettosi per rapire Babbo Natale.

Cosa posso fare se non dare il massimo dei voti di questa settimana a questa innovativa operazione che aggiunge ancora magia ad una pellicola più interessanti del cinema di animazione degli ultimi 20 anni?

A cura di cinemavistodame.

Lascia un commento