cinemavistodame.com di Roberto Bernabò

Fine settimana al cinema + Moccia regista

 Fine settimana al cinema + Moccia regista

Lo scrittore Federico Moccia al debutto sullo schermol'esordiente Michela QuattrocioccheIl protagonista Raoul Bova

Ecco il film da perdere nel 2008 ma che invece sono certo sbancherà al box office, temo.

Bridget Jones al maschile". Così Federico Moccia presenta Scusa ma ti chiamo amore, adattamento per il grande schermo del suo romanzo omonimo, che ha venduto oltre 710.000 copie. La Bridget Jones in questione è Raoul Bova, nel film Alex, 37enne in crisi, lasciato dalla fidanzata storica, che si "scontra" con la 17enne Niki (l’esordiente Michela Quattrociocche): sarà amore. "Cerco di raccontare – sostiene Moccia – all’altezza delle mie aspettative, con la sfida del divertimento: dopo gli adattamenti di Luca Lucini Tre metri sopra il cielo (3MsC) e Luis Prieto (Ho voglia di te), da regista non ho più scuse, vorrei che il film fosse migliore del libro". L’uscita in sala è attesa per gennaio 2008.

Chi vincerà il regista o lo scrittore?

§§§

IDIOCRACY
genere: avventura/commedia
di Mike Judge
con Luke Wilson, Maya Rudolph
distrib. 20th Century Fox

Lui è un soldato selezionato dall’esercito, lei una prostituta che spera le vengano cancellati vari capi d’imputazione. Insieme vengono ibernati per un esperimento da poter poi riutilizzare in casi di emergenza. Li dimenticheranno. E si risveglieranno nel 2505, scoprendo con estremo stupore di essere le due persone più intelligenti di tutti gli Stati Uniti. Dirige Mike Judge, già esperto "sociologo" della stupidità USA dai tempi di Beavis and Butt-head, serie animata portata in Italia da MTV. Che potrebbe in teoria essere una garanzia. Personalmente a me non convince al 100%, non so a voi.

THE PROTECTOR
genere: azione
di Prachya Pinkaew
con Tony Jaa, Petchtai Wongkamlao
distrib. Eagle Pictures

Giovane combattente ed esperto di arti marziali, Kham si mette in cerca di un gruppo di criminali che ha rubato due elefanti destinati al Re della Thailandia. Realizzato nel 2005, a due anni di distanza dal molto simile Ong-Bak, sempre diretto da Prachya Pinkaew ed interpretato da Tony Jaa. Io ho ben altro da cercare in questi giorni. Scusate ma passo la mano.

HAVOC – FUORI CONTROLLO
genere: drammatico
di Barbara Kopple
con Anne Hathaway, Bijou Phillips
distrib. Mediafilm

Affascinate dal mondo dei gangsta rapper e dal movimento hip-hop, due ragazze bianche della Los Angeles "bene" entrano in contatto con una banda di trafficanti ispanici. L’esordio al lungometraggio di Barbara Kopple, una delle documentariste USA più apprezzate al mondo (Wild Man Blues, My Generation). Dallo sceneggiatore di Syriana, Stephen Gaghan. Ecco questo si che mi sembra interessante forse dovrei aggiungere una star.

MATERIAL GIRLS
genere:commedia
di Martha Coolidge
con Hilary Duff, Haylie Duff
distrib. DNC Entertainment

Ereditiere di una potentissima catena di cosmetici, le sorelle Marchetta (un cognome, una garanzia) finiscono sul lastrico in seguito ad uno scandalo. Come fare per "sopravvivere" cercando di mantenere gli altissimi standard a cui erano abituate? Per la prima volta insieme sullo schermo le sorelle Hilary e Haylie Duff, dirette da Martha Coolidge (Angie – Una donna tutta sola), trovano sul set niente meno che Angelica Huston. Nulla da obiettare alla pseudo etica-cosumistico-etc. Ma, per carità, ho altre priorità. 

AL PASSO CON GLI STEIN
genere: commedia
di Scott Marshall
con Jeremy Piven, Daryl Hannah
distrib. Buena Vista

Per preparare come si conviene il Bar Mitzvah (la celebrazione ebraica per il raggiungimento del tredicesimo anno di vita) dell’amato figlio, un agente in carriera è costretto a confrontarsi dopo molti anni con l’anziano padre, che tornerà per l’occasione. Terza regia dell’attore Scott Marshall, figlio di Garry e nipote di Penny Marshall. Questo soggetto m’intriga paecchio. Io lo consiglio, ma si.

FINALMENTE A CASA
genere: commedia
di Steve Carr
con Ice Cube, Nia Long
distrib. Sony Pictures

Troppo piccolo per ospitare l’arrivo di un terzo bebé, l’appartamento in città di Nick e Suzanne deve essere abbandonato. La spaziosa casa in periferia che acquisteranno darà loro non pochi problemi, però… Ci voleva Ice Cube per riportare sullo schermo La casa dei nostri sogni, diretto da H.C. Potter ed interpretato da Cary Grant. Magie del cinema (sic!). E non smpre le magie riescono.

Lascia un commento