cinemavistodame.com di Roberto Bernabò

Cine-panettoni, Muccino, l’America e Lars

Devo aver letto da qualche parte che in Italia abbiamo proprio un pubblico di mxxxx.

Gabriele Muccino

Deve essere vero se in questi giorni dobbiamo accontentarci solo di cine-panettoni (ma che roba è), mentre negli USA un nostro regista romano complimentato da Walter Veltroni sbanca al box office.

Cioè noi denigriamo così tanto l’America, spesso la dileggiamo ritenendola culturalmente inferiore alla nostra cara vecchia Europa (ma che cazzata), ed intanto nelle nostre sale il film di Muccino realizzato insieme a Will Smith, che pare addirittura candidato al Golden Globe 2006, non lo vedremo adesso.

No, adesso solo cine-panettoni, che non si mangiano nemmeno, e che rimangono come una specie d’indigesto indicatore culturale di quello che il pubblico vuole nelle sale in questo periodo. (Tra l’altro … sarò poi vero ?)

E c’è pure chi sostiene che questo genere di film sia la salvezza del Cinema Italiano, perché crea molti incassi … che poi magari è pure vero (che tristezza).

Mi rifaccio aspettando con ansia l’uscita dell’ultimo film di Lars von Trier che sarò distribuito nelle sale italiane da venerdì 5 gennaio. Titolo in italiano: Il grande capo“. Con Carta Più da La Feltrinelli, se si acquista un DVD, si ha diritto ad un biglietto omaggio per la visione del film (a patto che se ne compri un altro, ma meglio di niente).

Buona visione del trailer.

11 commenti

  1. plasticaSerena ha detto:

    CINESCOPE?

    io sto decisamente studiando troppo.

    :(

  2. plasticaSerena ha detto:

    si, sono una spia internazionale :)

    il cinescope è interessante,

    le scene più fisse del fisso.

    buon natale :*

  3. Nonostantetutto ha detto:

    @plasticaSerena Bene ma lo hai visto in anteprima, esce a gennaio …

    Auguri.

    ;-)

    Rob.

  4. plasticaSerena ha detto:

    lars già visto.

    ci è piaciuto.

    a noi, che sarei io.

  5. Nonostantetutto ha detto:

    @deliriocinefilo adesso ho capito … altro che viva quell’Italia lì è morta da almeno vent’anni e forse anche di più.

    Ci si era illusi di cambiarla un po’, ma è durato poco.

    Un saluto.

    Rob.

  6. deliriocinefilo ha detto:

    com’era si riferiva alla frase che si sente spesso riferendosi all’italia in generale e che si applica anche ironicamente all’italia cinefila, tranquillo niente di serio…

  7. Nonostantetutto ha detto:

    @deliriocinefilo com’era cosa scusa? Non ti seguo.

    Il trailer è lì, dimmelo tu com’era.

    @didolasplendida Oltre ad essere un grande attore è stato anche un gran signore.

    Manca una figura così oggi nel panorama degli attori italiani. Bravo, gentile ed umile.

    Il post mi ha dato problemi ma adesso mi sembra tutto a posto.

    Un saluto.

    Rob.

  8. didolasplendida ha detto:

    grazie Roberto di quest’omaggio a Marcello, al grande Marcello, lo vidi nell’ultimo lavoro teatrale Le ultime lune, ò Diana se ne carette pe gli applausi, che gioia essere stata sua contemporanea

    (lo metto qua perchè su non si aprono i commenti)

  9. deliriocinefilo ha detto:

    com’era? com’era? viva l’Italia?

    aspetto lars con fobiaca aspettazione

  10. Nonostantetutto ha detto:

    @Alderaban Qualche sala che non proietta solo cine-panettoni si trova sempre non ti preoccupare.

    E’ che trovo assurdo che un film italiano, candidato al Golden Globe, esca negli USA mentre in Italia dobbiamo sorbirci, come l’olio di ricino, i film di Calo Vanzina & C, che poi un giorno qualcuno rivaluterà pure affermando cose del tipo :

    “C’è più Italia nel film di Carlo Vanzina che in tanto altro cinema d’autore italiano”.

    Vedrai che andrà a finire così.

    Rob.

  11. Alderaban ha detto:

    A me il panettone piace naturale :D

    l’unica cosa che mi dispiace è non poter andare al cinema nelle feste..spero in una programmazione più seria in qualche sala.

    saluti

    e Auguri

Lascia un commento