cinemavistodame.com di Roberto Bernabò

Pianefforte e notte di Slavatore Di Giacomo

Il tempo stimato per la lettura di questo post è di 0 minuti e di 0 secondi

 Pianefforte e notte di Slavatore Di Giacomo

1892

Nu pianefforte ‘e notte
sona luntanamente,
e ‘a museca se sente
pe ll’aria suspirà.

È ll’una: dorme ‘o vico
ncopp’ a sta nonna nonna
‘e nu mutivo antico
‘e tanto tiempo fa.

Dio, quanta stelle ncielo!
Che luna! e c’aria doce!
Quanto na bella voce
vurria sentì cantà!

Ma sulitario e lento
more ‘o mutivo antico;
se fa cchiù cupo ‘o vico
dint’a ll’oscurità.

Ll’anema mia surtanto
rummane a sta fenesta.
Aspetta ancora. E resta,
ncantannose, a penzà.

Traduzione

Un pianoforte di notte
suona distante,
e la musica si sente
echeggiare nell’aria.

È l’una: dorme il vicolo
al suono di questa ninna nanna
di un motivo antico
di tanto tempo fa.

Dio, quante stelle in cielo!
Che luna! E che aria dolce!
Quanto una bella voce
vorrei sentir cantare!

Ma solitario e lento
muore il motivo antico;
diventa più cupo il vicolo
dentro l’oscurità.

L’anima mia soltanto
rimane alla finestra.
Aspetta ancora. E resta,
incantata, a pensare.

5 commenti

  1. anonimo ha detto:

    voglio la parafrasi della poesia grazie

  2. raffaele ha detto:

    salvatore 6 un grande “ottima poesia”

  3. dieBouleversant ha detto:

    :-) Grazie Roberto.

  4. Nonostantetutto ha detto:

    @dieBouleversant Bea, incantare l’anima sensibile di una poetessa è un vero onore per me.

    ;)

    Rob.

  5. dieBouleversant ha detto:

    Grazie Roberto per avermi emozionata con questo post.

    E con l’audio in sottofondo.

    Beatrice

Lascia un commento