cinemavistodame.com di Roberto Bernabò

Adagio napoletano

Il tempo stimato per la lettura di questo post è di 1 minuti e di 1 secondi

dedicato a Napoli ed alla gente che soffre

vicolo del centro storico di Napoli

No, n’un e stat a sentere i canzone,/ ch’ist mare è celeste/ ‘u cielo è d’oro/ ma stu paese nun è sempe allegr,/ nun sponda sempe a luna ‘a Marechiaro/ e nun se canta e se fa sempe ammore./ Ch’est so fantasie pe’ furastieri,/ si vui vulite bene a stu’ paese,/ fermateve nu’ poco rint i vichi,/ guardate rint’i vasc e for ‘i chiese./ Venite insieme a me, pe’ strade antiche,/ invece i cammenà vicino ‘u mare,/ parlate cu chi soffre e chi fatica./ Quanta malincunia pe’ case scure/ addò nun trase ch’est aria ‘e primmavera,/ guardate quant sant attuorno ‘e mura./ Sta gente poverella crere a Dio,/ patisce rassegnata e pare allegr/ e chi è cecato canta “O sole mio”./ Io vedo come a n’ombra a ogni puntone,/ e penso ‘a gente ca’ l manc ‘u pane./ Quanta bucie ca’ riceno ‘e canzoni.

scugnizzi partenopei aggrappati al "trollo" del tram

No non date ascolto alle canzoni,/questo mare è celeste,/ il cielo e d’oro,/ma questo paese non è sempre allegro,/non spunta sempre la luna a Marechiaro,/ e non si canta e si fa sempre all’amore./Queste sono fantasie per gli stranieri/se voi volete bene a questa città/fermatevi a guardare nei vicoli/guardate dentro ai bassi (abitazioni poverissime tipiche napoletane, situate al livello della strada calde/fredde e buie) e fuori le chiese./Venite insieme a me per le strade antiche,/ed invece di passeggiare nei pressi del mare,/parlate con chi soffre e con chi lavora./Quanta malinconia in queste case scure,/dove non entra questa aria di primavera,/guardate quante figure di Santi adornano i muri,/questa gente povera crede in Dio/soffre rassegnata e sembra allegra/e chi è cieco canta “O sole mio”./A me pare di scorgere come un’ombra ad ogni angolo,/e penso alla gente a cui manca il pane/ quante bugie dicono le canzoni.

Roberto MuroloLina Sastri

Dedico questa struggente poesia partenopea, che ascoltai a teatro recitata da Lina Sastri, e declamata anche da Roberto Murolo, a tutta la gente di Napoli, che è parte di me come lo sono i miei occhi malati, ed a tutti quelli che, in questo momento, soffrono veramente.

Anche io avverto il dolore fisico oggi, dopo l’intervento, ma è davvero poca cosa se rapportata alla sofferenza del mondo.

11 commenti

  1. Roberto Bernabò ha detto:

    @FulviaLeopardi … grazie di tutto ;)

    @minstrel tornerò …

    @unverdeblog … Mario si, in effetti, hai uno spleen un po’ partenopeo ;)

    @gulliveriana … se mai verrai a Roma qualcosa è possibile vedere, se no a Napoili … in foto non renderebbero, sono quasi tutti olio su tela;)

    @didolasplendida tutti i napoletani sono parte di me (e ieri abbiamo battuto la juventus ti rendi conto?) ;)

    @mpinaCiancio degli interventi … sono stati due. Un abbraccio anche a te ma perché lieve? Per paura di non farmi male?;)

    Un saluto a tutti.

    Rob.

  2. mpinaCiancio ha detto:

    Roby non sapevo dell’intervento. Stai bene adesso? Un abbraccio lieve… Mapi

  3. didolasplendida ha detto:

    cavolo allora sono parte di te? non me ne ero mai accorta :-)

    parte? ma dovresti riuscire a contenermi, la vedo un pò difficile.

    Solo per strapparti un sorriso e per augurarti una pronta ma che dico una prontissima guarigione.

  4. gulliveriana ha detto:

    spero stia meglio

    oT

    mi piacerebbe vedere i quadri di tua madre.

  5. unverdeblog ha detto:

    molto toccante, sono sempre piu’ convinto di essere stato napoletano, nella mia vita precedente..

    Stammi bene Rob!

  6. minstrel ha detto:

    Manco per un poco ed eccoti qui con dolori e operazioni in ballo…

    ma che mi combini? Stai bene ora?

    yours

    MAURO

  7. Roberto Bernabò ha detto:

    @FulviaLeopardi … grazie;)

    @gulliveriana i tuoi acquarelli sono stupendi …

    Un saluto.

    Rob.

  8. gulliveriana ha detto:

    Una poesia struggente che offre un’immagine vera di napoli.

    Ti lascio un salute veloce e ti auguro una buona guarigione.

    un abbraccio

Lascia un commento