cinemavistodame.com di Roberto Bernabò

Il regista di matrimoni di Marco Bellocchio – analisi di eventi ed esistenti

 Il regista di matrimoni di Marco Bellocchio

analisi di eventi ed esistenti

Estremi che si toccano di Roberto Bernabo’

Titolo originale:  Il regista di matrimoni
Nazione:  Italia, Francia
Anno:  2006
Genere:  Commedia
Durata:  107′
Regia:  Marco Bellocchio
Sito ufficiale:   

Cast:  Sergio Castellitto, Donatella Finocchiaro, Sami Frey, Gianni Cavina, Maurizio Donadoni
Produzione:  Eurimages, Film Albatros, Rai Cinema, Dania Film
Distribuzione:  01 Distribution
Data di uscita:  21 Aprile 2006 (cinema)

Interpreti e personaggi

 
Silvia Ajelli …. Gioia Rottofreno
Bruno Cariello …. Enzo Baiocco
Corinne Castelli …. Sara
Sergio Castellitto …. Franco Elica
Gianni Cavina …. Regista Smamma
Maurizio Donadoni …. Assistente Micetti
Donatella Finocchiaro …. Bona di Gravina
Sami Frey …. Principe di Gravina
Simona Nobili …. Maddalena Baiocco
Aurora Peres …. Sposa
Claudia Zanella …. Chiara Elica
  (more)

Sola me ne vo per la città
passo tra la folla che non sa
che non vede il mio dolore
cercando te, sognando te, che più non ho.
Ogni viso guardo e non sei tu
ogni voce ascolto e non sei tu
Dove sei perduto amore?
Ti rivedrò, ti troverò, ti seguirò.
 

Devo riconoscere che è raro che esca dal cinema completamente appagato. E’ una vecchia storia e, chi legge il mio blog, lo sa.

Ma questa volta è stato esattamente così.

Adoro i film in cui tutto è costruito con maestria, con desiderio di stupire. Con il gusto per l’immagine evocativa, con la dualistica significanza di certi eventi a di certi esistenti.

Ma, come mi piace dire, procediamo con ordine. 

Analisi di eventi ed esistenti

Allora abbiamo un regista, forse un alter ego di Bellocchio, che alla notizia che la figlia sposerà un cattolico neocatecumenale entra in una profonda crisi spirituale e d’ispirazione. Proprio mentre sta realizzando provini per un film su "I promessi sposi".

Per cercare di ritrovarsi decide di trasferirsi a Cefalù.

Qui il film prende una deriva che non è azzardato definire buñuelliana.

Sergio Castellitto

Da questo momento Franco Elica, un nome sicuramente non scelto a caso, di vaga ispirazione futurista, interpretato, direi abbastanza bene, da un abbastanza bravo Sergio Castellitto (mi perdonerete l’allitterazione ma non ne sono proprio convinto al 100%), inizia una sorta di peregrinazione all’interno di una strana sfida, che trasla l’opera di Bellocchio su di un complesso piano metalinguistico del film nel film.

Pare, perlatro, dalle dichiarazioni dello stesso regista, che l’idea del film sia nata proprio assistendo ad una scena simile a quella inserita all’inizio di questo post.

Insomma Elica, regista affermato, si ritroverà alle prese con la direzione di un film per il matrimonio, sempre di una figlia, ma non la sua, quella di un nobile decaduto di Cefalù, tale principe di Gravina, costretto a darla in sposa ad una famiglia non nobile ma ricca, per salvare il decoro e l’economia del casato.

A cosa si allude?

Probabilmente alle borghesi e finte consuetudini di certi ambienti culturali italiani.

Ora il piano in cui si trasla il film, in questa trasognata Cefalù, è quasi surreale, arrivo a dire metafisico, ma si.

Surreale ne è l’ambientazione emotiva, un regista in fuga da se stesso, ed addirittura sotto la possibile minaccia di una denunzia ingiusta per presunti abusi sessuali.

Surreale è la situazione in cui si trova.

Girare un film dilettantesco in digitale per un matrimonio.

Onirico e vagamente allegorico è lo svolgersi della trama.

I cani che custodiscono Bona, la figlia del Principa di Gravina, ad esempio, i dobermann, con i quali Elica entra in empatia parlando in tedesco, sono al tempo stesso l’evoazione simbolica di un impedimento, così come i cancelli della villa, e la realtà fenomenica della personalità artistica del regista.

Donatella Finocchiaro

La bellissima principessa Bona di Gravina – una bravissima e suducente Donatella Finocchiaro – che appare e scompare in un ambiguo giuoco di visioni, non è forse l’evocazione dell’amore, di quell’amore tanto più vero, perchè non raggiunto mai completamente?

Cosi come suggellato dalla canzone (In cerca di te) del finale.

Ma non è forse, anche, un’allusione allegorica all’opera artistica ed alla sua ispirazione?

Perché attenzione Bellocchio non gira un film sull’amore.

Ne "Il regista di matrimoni" egli mette molto di più.

Giudica l’Italia del cinema e non solo.

Gianni Cavina

Personaggi come il regista Smamma (forse un altro alter ego?), un invecchiato ma sempre bravo (lui si) Gianni Cavina – che vive nascosto in una grotta, lasciando credere di essere morto per poter, finalmente, essere consacrato al David di Donatello – sembrano esistere solo per ridicolizzare, e rendere paraddossali, le cosmogonie segrete che si celano nel mondo del cinema italiano, più simile, nella onirica visione del regista, ad un loggia massonica che ad un gruppo ispirato di artisti. E qui non è difficle leggere dei chiari ed espliciti riferimenti alla sofferenza di Bellocchio per i mancati riconoscimenti festivalieri della sua opera, anche se, come egli stesso ammette, il suo cinema resta lo stesso, ed un regista non gira film per vincere premi. Sante parole.

L’ultimo esistente, non meno buñuelliano, anzi, è il nobile Principe di Gravina, vero e proprio deus ex machina dell’opera metalinguistica del film nel film.

Samy Frey

Interpretato da un bravissimo ed incisivo Samy Frey.

E’ lui che invita Elica ad assumere la direzione del film sul matrimonio della figlia, è lui che lo spia, ed è forse anche lui che lo spinge, quasi inconsciamente, ad innamorarsene, divorato dai sensi di colpa.

§§§

In Italia comandano i morti

Questo è uno dei messaggi verso l’alto del film.

Evocazione di neanche tanto vago sapore esoterico, sottolineata da alcune sequenze di grande effetto, come la croce di fuochi d’artificio che prima s’illumina e poi, lentamente, si spegne, scomparendo anch’essa, proprio come lui, nella notte agitata del regista Smamma.

Certo a chi non è venuta in mente l’elezione del presidente del senato quando Giulio Andreotti andava a votare?

O certo cinema che viene rivalutato, da un’Italia coccodrillo, solo dopo la morte del suo autore. 

§§§

Una struttura dualistica in cui gli estremi si toccano

Ma quello che m’interessa sottolineare in questo post è che ogni micro bit narrativo racchiude una significanza duale.

Il matrimonio, ad esempio, è visto, al tempo stesso, come fine di una condizione ed inizio di un’altra.

Simile, in questo, al funerale, come ci ricorda proprio il Principe di Gravina.

Ed ecco che a suggello di questa dualistica struttura narrativa, Bellocchio gioca, con maestria, su di un parallelo piano dualistico formale e significante: quello del rapporto tra digitale e 35mm.

Mentre in 35mm è girata la vita vera, nel digitale troviamo l’intenzione artistica.

Quasi a sottolineare l’impossibilità, del nostro cinema:

  • istituzionale,
  • ufficiale,
  • deputato,
  • quello dei mezzi di produzione,
  • dei trailers, 
  • invitato alle rassegne,
  • in concorso per i premi nei festival,

ad esprimersi artisticamente secondo i canoni tradizionali.

§§§

I piani dello sviluppo del conflitto

Credo, peraltro, che il finale del film, nel quale il regista Elica sembra quasi fuggire dall’amore per Bona (o è il contrario?) evochi il rapporto tra il regista (Bellocchio) ed il successo della sua opera.

In questo senso vedo lo sviluppo del conflitto essenzialmente basato su questi piani.

Uno intrapersonale.

Che è agevole ritrovare un po’ in tutti gli esistenti.

In Elica, divorato dalla crisi creativa e dalla paura di abbandonarsi al nuovo amore.

In Bona di Gravina, divisa tra la pulsione verso la sua emancipazione artistica, e la lealtà verso la famiglia ed il padre.

Nel Principe di Gravina, in totale empasse tra i sensi di colpa verso la figlia, il matrimonio di convenienza in cui tenta di costringerla, e l’onore che sente di dovere al suo passato.

Ma esiste anche un secondo piano dello sviluppo del conflitto, più nascosto.

Un piano etico.

Ed è quello che ritroviamo tra gli esistenti e l’arte cinematografica istituzionale.

Non è l’assistente Micetti di Elica, roso dall’invidia, ad esserne la prima vittima?

Non è forse lo stesso Elica a trovari in crisi creativa perché costretto a girare, suo malgrado, l’ennesimo film su "I promessi sposi", pur non sentendolo più nelle sue corde?

E non lo ritroviamo infine, più esotericamente, agito nell’esistente del regista Smamma, che si finge morto solo per trovare i giusti riconoscimenti da un’Italia culturale non disposta a valorizzare le voci fuori dal coro?

§§§

La risoluzione e la catarsi 

Il regista Enzo Baiocco, incompetente sul montaggio, ma carico di un desiderio puro di filmare, rappresenta l’ecocazione dell’anima di un’arte che non è più.

Un’anima appassionata ed assoluta proprio come il bacio che si scambiano Bona ed Elica, nella loro impossibile storia d’amore, impossibile non meno di quella tra l’Innominato e Lucia nei Promessi Sposi (altra allusione alla staticità culturale del paese), frutto solo delle immaginazioni giovanili di Bona.

Un’anima che, ahimé, non è più (come l’amore della canzone del finale "In cerca di te"), comunque, nei luoghi dove dovremmo incontrarla.

Ma perduta in una Sicilia quasi fuori dal tempo, un luogo altro come il sud, in cui tutto è ancora possibile.

Ritrovare l’ispirazione, innamorarsi, impedire un matrimonio di convenienza e vincere, seppur da morti, il David di Donatello.

Un tag e una ricerca

tag correlati  Marco Bellocchio; Il regista di matrimoni.

Multimedia

Qui Marco Mellocchio da Cannes al microfono di Chiara Ugolini, grazie a Capital news ed a KataWeb

Curiosità cinefile

La canzone che chiude il film è ribaltata al femminile.

In cerca di te forse più conosciuta per le parole con cui inizia la strofa "Solo me ne vo per la città…" – è una bellissima canzone risalente al 1945 scritta da Eros Sciorilli. Potrebbe essere interessante ascoltare la versione cantata da Ernesto Bonino, uno degli esponenti principali di quel fenomeno musicale denominato Swing Italiano, insieme a Natalino Otto, Alberto Rabagliati ed il Trio Lescano.

Per saperne di più cliccate qui qui.

La potete ascoltare qui nella versione di Nella Colombo (1945).

Accoglienza a Cannes

Sono lieto di integrare questo post, oggi domenica 21 maggio, per annunciare che il film di Bellocchio ha avuto una splendida accoglenza a Cannes. In verità "Anche Libero va bene" di Kim Rossi Stuart pure. 

23 commenti

  1. Error ha detto:

    @accalarenzia Meglio tardi che mai.

    ;-)

    Un saluto.

    Rob.

  2. Nonostantetutto ha detto:

    ti leggo solo adesso.

    Bellissima recensione.

  3. accalarenzia ha detto:

    minstrel … grazie della tua attenzione in effetti è proprio così.

    Augirissimi anche a Katia.

    ;-)

    Un saluto.

    Rob.

  4. Nonostantetutto ha detto:

    Un’analisi lucidissima come tuo solito, ma credo si possa comprendere a pieno solo dopo aver visto il film. Le immagini di scena che hai postato sono veramente seducenti e mi ha colpito molto la parte nella quale sottolinei come il matrimonio sia innanzitutto punto di partenza!

    e’ esattamente così!

    Oggi sono quattro anni di matrimonio con Katya; una bel cammino e ce ne aspetta ancora tanto, tantissimo, se Dio vuole.

    E qui ci si ricollega alla “crisi spirituale” del regista protagonista.

    Insomma, devo vederlo!

    Grazie rob!

    YOURS

    MAURO

  5. minstrel ha detto:

    @unverdeblog … credo sia più importante lavorare sulla parte interiore di noi stessi, ma mi chiedevo come mai la bellezza ci attragga quasi inconscaimente.

    So che è una cosa effimera e di breve periodo, non fraintendermi, mi chiedevo solo perché ci attrae.

    E’ questo che mi spinge al riflettere al suo potere evocativo di forse qualcoes’altro. Ma sicuramente vaneggio. ;)

    @*Milena* vai sul blog truepassion linkato dal mio e chiedi alla sua autirce (coccinellina86) è lei che ha realizzato l’immagine dell’header del blog.

    Credo abbia usato Photoshop o qualcosa di analogo.

    Grazie.

  6. Nonostantetutto ha detto:

    ciao, scusate l’ot..

    potreste dirmi come avete fatto quell’effetto sull’immagine in cima al blog?

    grazie

    *Milena*

  7. utente anonimo ha detto:

    essere sempre belle e’ un lavoro, a cui dedicare parecchie ore al giorno. Tutto tempo che inevitabilmente non puoi dedicare ad attivita’ che potrebbero renderti una persone piu’ interessante interiormente.

    Entrambe le cose sono impegnative!

    Non riesco ad associare il sostantivo bellezza a metafora. Potrei semmai dire che ambire alla bellezza e’ metafora di un’ambizione a un’immortalita’ di breve periodo.

  8. unverdeblog ha detto:

    @EddieValiant … controlla l’email su splinder, la data, del commento, e poi verifica dopo quanto tempo ti ho scritto nel blog.

    Non è tono paternalistico.

    E’ solo ribadire il rispetto che chi scrive un post su Cineblogger deve alla community.

    Io ti ho scritto in tono, affettuoso e scherzoso, non paternalistico ma tu assumiti la responsabilità dei tuoi errori e chiudiamola lì.

    Cineblogger ha delle regole alle quali io mi attengo sempre, se scrivo un post.

    Punto.

    E valgono per tutti i giudici.

    Peraltro ti avevo anche invitato a cancellare il commento … ma era l’unico modo per farmi leggere da te a quanto pare.

    ;-)

    Con stima.

    Rob.

  9. Nonostantetutto ha detto:

    Rob mi spiace non aver aggiornato Il regista di matrimoni, è stata semplicemente una svista, poichè se ci fai caso il resto dei topic da me aperti li aggiorno costantemente.

    Bastava un appunto,senza queltono paternalistico al quale purtroppo non hai resistito.

  10. EddieValiant ha detto:

    unverdeblog … C’è un elenco dei post cinefili in quanto non parlo solo di film ma anche di cinema.

    Io le modelle le trovo molto belle ma spesso dietro la bellezza non c’è molto altro. O magari si infondo ne avrò conosciute solo 5000. No scherzo ne ho conosciute un paio.

    davvero un’estate a Lipari.;)

    Ma la bellezza è una metafora di qualcosa secondo te?

    E se si di cosa?

    Rob.

  11. Nonostantetutto ha detto:

    ah, dimenticavo, comunque col Katsow che sono uscito a cena con tutte ste ragazze, e di quel calibro.. quelle son modelle, o comunque son esemplari da contemplare.. io al massimo potrei puntare a una cinesina delle mie parti, cosi’ potrei dire di aver fatto come Woody Allen.. anche perche’ qui da me non c’e’ la statua della liberta’ con la quale farci una battuta..

    Se devo trovare un appunto al tuo blog (magari c’e’ e non ho visto bene io) e’ un elenco in ordine alfabetico di tutti i film di cui parli..

  12. unverdeblog ha detto:

    @unverdeblog il tuo blog è veramente divertente.

    ;)

    Rob.

  13. Nonostantetutto ha detto:

    bene, ho trovato dove approfondire dopo che sono andato al cinema, e anche prima di andarci..

    Mi sembra ci sia tanto di quel materiale stipato che puo’ esplodere da un momento all’altro, questo blog..

    Complimenti, un lavorone.

    Son contento ti piaccia il mio blog..

    ciao

  14. unverdeblog ha detto:

    @Mapi … io direi di si.

  15. Nonostantetutto ha detto:

    … è da vedere questo film di bellocchio! Abbraccio Rob Mapi

  16. utente anonimo ha detto:

    @imlaufderzeit ;)

    Rob.

  17. Nonostantetutto ha detto:

    Complimenti per la tua analisi, Rob!

    Condivido anche il tuo giudizio sulla brava Donatella Finocchiaro.

    Ma la cosa più bella è che tu sia uscito “completamente appagato” dalla visione del film…

  18. imlaufderzeit ha detto:

    @Ally … magari se ne parlerà dopo Cannes … :)

    Rob.

  19. Nonostantetutto ha detto:

    Sono contenta di leggere che anche tu l’abbia apprezzato… peccato se ne sia parlato poco… un saluto, Ally

  20. Nonostantetutto ha detto:

    Chissà chissà chi sei …

    ;)

    Rob.

  21. utente anonimo ha detto:

    cos’è un pensiero? Tu sei quel pensiero.

    Un dolore? Tu sei quel dolore.

    Una luce, un sorriso? Tu sei luce e sorriso.

    E se fosse una musica tu sei quella musica.

    E se fosse un assenza tu sei quella assenza.

    E se fosse inquietudine io la voglio seguire.

    E se fosse la pace la vorrei ritrovare.

  22. Nonostantetutto ha detto:

    @Fulvialeopardi … no forse è la terza – quarta. Anche il film Me and you and everyone we Know mi aveva toccato molto. ;)

    Rob.

  23. FulviaLeopardi ha detto:

    Mi sa che è la prima volta che ti leggo “felice” ;)

Lascia un commento