cinemavistodame.com di Roberto Bernabò

nessun titolo

Il tempo stimato per la lettura di questo post è di 1 minuti e di 1 secondi

Le Passanti

di Fabrizio De Andrè (traddotta da un canzone di George Brassens)

Fabrizio De Andrè

Io dedico questa canzone
ad ogni donna pensata come amore
in un attimo di libertà
a quella conosciuta appena
non c’era tempo e valeva la pena
di perderci un secolo in più.

A quella quasi da immaginare
tanto di fretta l’hai vista passare
dal balcone a un segreto più in là
e ti piace ricordarne il sorriso
che non ti ha fatto e che tu le hai deciso
in un vuoto di felicità.

Alla compagna di viaggio
i suoi occhi il più bel paesaggio
fan sembrare più corto il cammino
e magari sei l’unico a capirla
e la fai scendere senza seguirla
senza averle sfiorato la mano.

A quelle che sono già prese
e che vivendo delle ore deluse
con un uomo ormai troppo cambiato
ti hanno lasciato, inutile pazzia,
vedere il fondo della malinconia
di un avvenire disperato.

Georege brassens

Immagini care per qualche istante
sarete presto una folla distante
scavalcate da un ricordo più vicino
per poco che la felicità ritorni
è molto raro che ci si ricordi
degli episodi del cammino.

Ma se la vita smette di aiutarti
è più difficile dimenticarti
di quelle felicità intraviste
dei baci che non si è osato dare
delle occasioni lasciate ad aspettare
degli occhi mai più rivisti.

Allora nei momenti di solitudine
quando il rimpianto diventa abitudine,
una maniera di viversi insieme,
si piangono le labbra assenti
di tutte le belle passanti
che non siamo riusciti a trattenere.

8 commenti

  1. Nonostantetutto ha detto:

    IO sto molto bene carissima…

    anche a te un bacio grande grande, davvero !!

  2. 22settembre2003 ha detto:

    Ma ciao carissimo….come stai? è tantissimo che non ci scriviamo più e che non passavo di qui. Come procedono le cose?

    Ti mando un bacio grande grande

  3. Nonostantetutto ha detto:

    Pizzillo, myfavouritethings, dcql … grazie ;-))

    E’ vero la canzone è molto cinematografica al punto che è stata utilizzata nel film “l’amore ritrovato” di Carlo Mazzacurati di cui ho palrato in questo blog ;-))

  4. dcql ha detto:

    Saremmo stati tutti più poveri dentro senza la loro musica.

  5. myfavouritethings ha detto:

    Davvero un bel pezzo…

    a presto

  6. Pizzillo ha detto:

    Davvero stupenda questa canzone…la ascolto almeno una volta al girno…Faber era Faber non c’è niente da aggiungere…Eppoi la vedo molto cinematografica, rende benissimo l’ideale delle coincidenze ke nel cinema spesso ci ha regaloto grandi emozioni…

  7. Nonostantetutto ha detto:

    rikert un commento così mi commuove sottoscrivo in pieno “morire per delle idee” è sublime.

    grazie per queste tue sentite parole danno veramente valore al post. Grazie di cuore.

    Rob.

  8. ruckert ha detto:

    Sono felice di essere il primo in questa pagina a commentare perchè questa per me non è solo una canzone, ma un vero pezzo di vita. Una volta colto il senso del testo ho avuto uno sguardo diverso nel rivolgere il pensiero a tutte le passanti della mia vita. Ci sono poche canzoni che riescono ad avere un’intensità comunicativa di questo tenore dei sentimenti che ci passano nel cuore in determinatyi momenti. Faber mi manca da morire. Fra pochi giorni sarebbe stato il suo compleanno. Chissà cosa ci avrebbe potuto regalare ancora. Anche se questa canzone è di Brassens, la versione di faber mantiene inalterato lo spirito, impresa ardua riuscita anche con il gorilla e morire per delle idee giusto per fare due esempi. A volte mi chiedo come avrebbe cantato il nostro presente spesso così amaro. Mah … Ciao vado a risentirmi questa canzone, ne ho davvero desiderio.

Lascia un commento